Programmare, divertendosi: Coderdojo Milano torna in IED

Il coding come strumento approcciare la risoluzione di problemi, imparare a usare logica, creatività, pensiero computazionale. Con questa finalità ludico-educativa IED apre nuovamente le porte della sua sede milanese a un ciclo di appuntamenti mensili con Coderdojo Milano dedicati ai piccoli, aspiranti programmatori (dai 7 ai 17 anni) che attraverserà l’anno accademico, terminando in primavera. Un ciclo di laboratori […]

A Torino la Casa Pazza di studioata

12/05/2017 - Il progetto Casa Pazza di studioata a Torino riguarda la conversione di un ex istituto fisioterapico (e prima agenzia assicurativa) viene riconvertito in una “urban villa”. “La casapazza è uno strumento e non un fine, è un luogo in cui una famiglia può sperimentare divertendosi e in cui tutto (quasi) è possibile” affermano […]

1.14 L'aquilone: il centro per l'infanzia di C+S Architects

14/01/2014 – 1.14 The Kite è l'ultimo progetto italiano dello studio C+S Architects di Carlo Cappai e Maria Alessandra Segantini. L'edificio scolastico è il primo di una serie di interventi che il committente intende realizzare nel territorio padovano per sviluppare il proprio programma. 1.14 è un team di educatori che, attraverso un metodo didattico fondato […]

Il tavolo da pranzo a sospensione con sedie altalena per mangiare divertendosi

Postato da: Designer Blog “Si smette di giocare perché si invecchia, si invecchia perché si smette di giocare. “ Forse le parole di George Bernard Shaw hanno ispirato il designer canadese Rodrigo Caula, quando ha creato Eat & Play, originale tavolo da pranzo sospeso al soffitto. Tenetevi forte, dimenticate le buone maniere e la voce […]

Il guerrilla marketing sulla metro di Milano per Fastweb

Postato da: Designer Blog Immaginatevi di salire ad una qualsiasi fermata della metro e scendere alla fermata Shibuya, ritrovandovi così a Tokyo. Quale sarebbe la vostra reazione? Concentratevi su questo perché è fondamentale, soprattutto se non lo avete potuto provare direttamente come coloro che a Milano, saliti alla fermata Moscova, si sono ritrovati in oriente. […]