Abitare senza confini

Nella grammatica sono mobili contenitori, vani integrati alle pareti, armadiature, tappeti, carte da parati, sanitari, vasche e docce, soffioni incastonati nel soffitto, accessori; nella sintassi sono diventate delle sartoriali micro-architetture che, declinate con forme, materiali e finiture differenti, rendono variabile la temperatura degli ambienti. “Questa è stata un’ottima opportunitĂ  per comunicare le potenzialitĂ  del nostro […]

Philippe Rahm, l’interior design è la chiave per una casa sostenibile 

Per seguire il filo di Rahm, bisogna risalire alla frattura tra architettura e decoro causata dal minimalismo nel secolo scorso. “Il decoro, fatto di drappi, tende, veli, boiserie e tappezzerie, parquet o intarsi, tappeti, carte da parati, paraventi, battiscopa e modanature, lampadari e specchi, è stato squalificato all'inizio del Ventesimo secolo, bollato come sovraccarico e […]

Carta da parati per bambini: nella cameretta vince la fantasia

Sempre piĂą in voga nella decorazione d’interni, la carta da parati conquista anche la cameretta dei bambini. Un ambiente speciale, un mondo a parte rispetto al resto della casa, pieno di giochi e accessori, che richiede un dĂ©cor cucito attorno ai piccoli inquilini, sperimentando con fantasie e pattern. Come scegliere la carta da parati giusta Creare l’atmosfera adatta […]

A Milano, un atelier della resina dove immergersi nel colore

Nuovo, spazio per Rezina, l’azienda specializzata nella posa e nella realizzazioni di superfici in resina, fresca di trasloco in via Vincenzo Monti a Milano. Centodieci metri quadrati a metĂ  strada tra spazio espositivo e laboratorio, un luogo caldo e accogliente che permette a chi vi accede – sia che si tratti di architetti o di privati – […]

Museo Casa Ayora: il museo di sé stesso

22/04/2021 - Lo studio Trazia, di Carlos Pardo e LucĂ­a Hernández, è l’autore del progetto Museo Casa Ayora di Almussafes, nella comunitĂ  autonoma di Valencia.Un edificio a due piani, risalente al barocco, originariamente sede di un convento domenicano.In seguito alla confisca divenne un’abitazione privata, la cui piĂą nota abitante fu la signora Dolores Ayora Olcina (1878-1958), […]