Lema

Guarda all’architettura per restituirne il rigore ma anche la flessibilità d’uso il tavolo Sesto di Piero Lissoni per Lema, pensato per diverse funzioni e ambienti: nella zona living, come tavolo da pranzo o piano di lavoro per la casa o l’ufficio. La purezza della sua linea si esprime nella semplicità della sua costruzione: una trave funge da elemento principale che sostiene le gambe incrociate e distribuisce il peso sul piano. Non a caso il suo nome, Sesto, richiama gli archi, come sottolinea il suo progettista. Le possibilità del tavolo e della sua adattabilità a diversi ambienti e funzioni, si esprimono attraverso i materiali e le finiture in cui è disponibile. Per il piano: vetro extra-chiaro, gres porcellanato o legno, nelle finiture, esclusive di Lema, argilla e marmo ricostruito. Le gambe possono essere in frassino naturale, rovere termotrattato e noce, mentre il sostegno è in metallo. La sua versatilità risiede, oltre che nella purezza della forma che lo rende adatto a ogni ambiente, nella possibilità di scegliere le varianti che più si adattano al proprio spazio, trasformandolo in un pezzo unico.

A colpo d'occhio

Fonte: https://www.internimagazine.it/prodotti/lema-3/

Autore dell'articolo: internimagazine.it