CAR DESIGN IN LOCKDOWN – IAN CARTABIANO, TOYOTA

Avete portato strumenti specifici dallo studio o potete fare tutto con i normali PC?

Tutti i membri del team hanno con sé a casa i loro computer portatili che sono collegati alla nostra rete sicura. Hanno il software per garantire un flusso di lavoro creativo. Tutti i designer hanno poi le normali tavolette Wacom o Cintiques. E poi, Naturalmente, ci sono sempre carta, matita, penna, marcatori (il mio modo preferito di disegnare).

Dal suo punto di vista, come cambieranno le forme delle auto che progetta durante questo periodo?

Credo che vedremo un’esplosione di creatività quando si tornerà a lavorare fisicamente tutti insieme. Posso immaginare che i designer saranno più puri nella loro espressione di ciò che vogliono vedere nel design automobilistico. Sono entusiasta di vedere quali idee creative emergeranno da queste settimane di isolamento sociale. Il mio desiderio è vedere design che sia ottimista sul futuro.

Quanto è importante per un designer l’ispirazione dall’esterno?

Penso che, come designer, l’ispirazione esterna sia cruciale. Mi preoccupa il fatto che in questo periodo non possiamo uscire per vedere il mondo, sperimentare l’arte in tre dimensioni o parlare con i nostri clienti che guidano i nostri progetti per la prima volta. Per fortuna, viviamo anche in un mondo digitale in espansione, dove la nuova ispirazione è solo una ricerca di parole. Quando questo periodo sarà finito ho chiesto a ciascuno dei nostri designer di tornare in ED2 con la propria ricerca e la presentazione di nuovi linguaggi di forma, grafica e materiali. Sono davvero entusiasta di scoprire cos’hanno pensato.

Fonte: https://autodesignmagazine.com/2020/03/car-design-in-lockdown-ian-cartabiano-toyota/

Autore dell'articolo: autodesignmagazine.com