Casa come me

Una casa che fosse un omaggio a quella preesistente, in termini di sperimentazione materica e di rapporto tra interni e paesaggio, ma che fosse anche in grado di rappresentare una sorta di ‘autoritratto’, secondo la famosa espressione di Curzio Malaparte, che definì la sua villa a Capo Massullo arroccata magicamente su uno scoglio dell’isola di Capri “Casa come me”.

Seguendo tale ispirazione, Jameson, avvezzo ad audaci invenzioni compositive, che comprendono riferimenti alle strutture molecolari o a figure non appartenenti in modo canonico al mondo dell’architettura, ha deciso di lasciare spazio alle qualità esperienziali della sua vita trascorsa, cercando di fare seguire la forma ai ricordi emozionali, più che alle funzioni da espletare. Così le memorie della sua infanzia sono emerse come elementi guida del progetto, nello specifico uno stagno scuro vicino alla casa di famiglia, sulla costa orientale del Maryland, è stato tradotto nel rivestimento di parte della nuova facciata in pannelli di acciaio increspato.

Fonte: https://www.internimagazine.it/progetti/casa-come-me/

Autore dell'articolo: internimagazine.it