Restyling per la casa in montagna: gli obiettivi sono stile e comfort

Con l’apertura della stagione invernale è tempo di rimettere in sesto la casa in montagna, che accoglierà noi e i nostri amici nelle fredde serate d’inverno. Proprio per questo c’è bisogno di una cura particolare nella scelta di arredi e complementi: l’obiettivo è rendere tutto più accogliente, senza mai trascurare lo stile. Cosa acquistare, dunque, per rinnovare l’ambiente e renderlo ancora più ospitale? Puntiamo senza dubbio su quegli accessori che ci fanno sentire a casa e ci consentono di “viziare” i nostri ospiti in modo speciale, senza dimenticare l’apporto decorativo. Tutto ciò che scegliamo di introdurre nell’ambiente ne influenza l’estetica, lo stile d’insieme, ecco perché anche se si tratta di piccoli accessori, è importante scegliere bene colori e materiali. Prediligendo, in questo caso, toni caldi e materiali naturali, come il legno, ciò che vogliamo è un’atmosfera informale ma mai trascurata. Ecco qualche suggerimento per acquisti ben ponderati, che si faranno apprezzare da noi e dai nostri ospiti.

Un tappeto a pelo lungo per scaldare l’ambiente

Un vero e proprio must have per la casa in montagna è il tappeto, in particolare quello a pelo lungo che richiama subito un’atmosfera accogliente ma ricercata, in cui rilassarsi senza rinunciare allo stile. I tappeti hanno anche la preziosa virtù di migliorare l’acustica dell’ambiente. In copertina Fogg
di Gunilla Lagerhem per
Kasthall

, disponibile in vari colori: le lunghe frange in due tinte catturano la luce e creano riflessi estremamente decorativi.

Tanti plaid colorati per tutti

Mono by Hay

Una grande cesta piena di scialli e plaid di lana per chi ha bisogno di una dose di calore extra: il plaid da divano può diventare un accessorio interessante se si scelgono filati di qualità e colori di tendenza, in più, se disposti in ordine e ad arte, danno un tocco di colore e consistenza allo styling. Nell’immagine il plaid in lana Mono
di
Hay

, tessuto a trama twill in tante versioni cromatiche tutte belle.

Mix di classico e contemporaneo

Loïe by Gebrüder Thonet Vienna

Un misurato connubio di classico e contemporaneo è ideale per rendere la casa in montagna interessante e non datata nello stile. Qualche esempio? La poltroncina Loïe
disegnata da Chiara Andreatti per 
Gebrüder Thonet Vienna

declina in modo contemporaneo la tradizione della curvatura del legno e dell’utilizzo della paglia. Il suo schienale arrotondato avvolge chi si siede e la rende perfetta per il salotto di montagna.

La giusta luce

Pull by Muuto

Qual è la giusta luce per un ambiente di montagna? Sicuramente una luce soft, che invita a rilassarsi e aiuta a mettersi a proprio agio. Ecco perché può essere importante integrare la luce principale con una lampada da terra, che crea un’atmosfera più intima e informale. Da mettere accanto al divano, come la Pull
lamp di Whatsowhat per
Muuto

. La struttura è in legno, perfetta per la montagna e il paralume è appeso a un cavo che consente di aggiustarne la posizione per trovare l’orientamento migliore.

Il buon bere come una scultura

PTolomeo by Opinion Ciatti

Ptolomeo
 è la celebre libreria a colonna di 
Opinion Ciatti

in cui la struttura praticamente scompare per fare spazio visivo solo ai libri che diventano essi stessi la struttura. Ed è molto interessante la versione dedicata alle bottiglie di vino. Alcune etichette sono davvero assimilabili a delle piccole opere di arte grafica e una struttura come questa, che le metta in evidenza, è davvero un’ottima idea. Del resto, una buona cantina è il presupposto fondamentale per una casa di montagna in cui trascorrere il tempo in compagnia di amici e familiare.

Possiamo aiutarti? Il nostro servizio di progettazione è a tua disposizione per aiutarti ad arredare casa con uno stile unico: il tuo. Contattaci via mail a [email protected] o telefonando al numero +39.090.6258945.

Fonte: https://shop.mohd.it/it/magazine/restyling-casa-montagna/

Autore dell'articolo: mohd.it