Beluga e BY.CO, i due progetti IED Milano nell’ADI Design Index 2019

Un agevole sistema di trasporto dell’attrezzatura per il SUP, che strizza l’occhio all’upcycling in chiave sostenibileuna Soft Fashion Protection (meno ingombrante di un casco) per chi va in bici. Si tratta rispettivamente di Beluga e BY.CO, i due innovativi progetti IED Milano selezionati per l’ADI Design Index 2019 tra ben 970 candidature presentate.

Le idee diegli ex studenti Annamaria Naso e Marco De Amicis (Beluga) e di Gaia Fettolini  e Luca Girlanda (BY.CO) – entrambi progetti di tesi in Product Design discussi nel 2018 – vanno a comporre la selezione ufficiale per le candidature al Compasso d’Oro 2020: 226 prodotti, servizi e progetti degli studenti di design scelti dall’Osservatorio permanente del Design ADI. 

BELUGA nasce dall’esigenza di trasporto dell’attrezzatura per la pratica dello stand-up paddle, mediante una soluzione che rispetti l’ambiente impiegando materiali riciclati o recuperati e che sia in grado di contenere un set di strumenti utili per agevolare la raccolta dei rifiuti in acqua. Il sistema comprende lo zaino Beluga per il trasporto dell’attrezzatura; Cava, un cestino richiudibile e salva spazio per il contenimento e trasporto de rifiuti; Dromia, un gancio ferma pagaia per i momenti di relax sulla tavola; Galani, una pinza raccogli rifiuti applicabile alla pagaia, che attraverso la gestualità tipica dello sportivo in acqua consente di raccogliere i rifiuti plastici lasciati in acqua; Mobula, piattaforma portaoggetti applicabile alla tavola; Spiro, rullo porta oggetti che consente di lasciare lo zaino in macchina, portando con sé in spiaggia solo gli accessori necessari dopo l’uscita in SUP. Il sistema progettato dagli ex studenti IED risolve una serie di problematiche riscontrate durante la user journey di un campione di 25 persone osservate durante le uscite in SUP (problematiche di ingombro, esposizione, sbilanciamento). Il sistema è realizzato in 100% nylon da 397 g/m² 800 denari, con spalmatura in pellicola TPU su un solo lato, garantendo sicurezza, impermeabilità e leggerezza. L’imbottitura in poliuretano espanso protegge l’attrezzatura da urti accidentali. Gli inserti in tessuto nella zona frontale dello zaino sono in pelle di salmone riciclato: il pellame di scarto, conciato e trattato, trasforma dunque la pelle del salmone da rifiuto\scarto in una nuova risorsa.

BY.CO nasce invece pensando alle esigenze degli urban commuter, soprattutto a chi si sposta in città utilizzando la bici, mezzo sempre più di tendenza e scelta green, non affrancata però dal rischio incidenti. Chi la usa, indossa raramente il casco, per una percezione di pericolo inferiore rispetto ai motocicli, ma anche per motivi “estetici”. Da qui la progettazione di una protezione di uso quotidiano morbida e discreta, percepita da chi la indossa ma non dall’esterno e, soprattutto, che possa diventare parte di sé e del proprio stile. Una alternativa, per chi va in bici, a caschi troppo rigidi, ingombranti e non “belli”. Il design di un berretto casual chic nasconde all’interno una protezione tecnica modellante e sicura grazie all’impiego di un materiale poliuretano particolarmente resistente ad urti ripetuti (il Poron XRD). La protezione nasce da una semplice fustella piatta che, piegata, dà origine a una calzatura rivestita, a cui sono associabili poi diverse tipologie di cappelli, per rispettare il proprio stile.

Fonte: https://www.ied.it/blog/beluga-e-by-co-i-due-progetti-ied-milano-nelladi-design-index-2019/66548

Autore dell'articolo: ied.it