IED @ Sónar+D – Universites Hub

Dal 17 al 19 luglio 2019 IED darà il suo contributo alle idee e al talento presenti al Sónar+D Universities Hub – insieme a BAU, ESCAC, Royal College of Arts, Aalto University – con il progetto A Swarm of Corrupted Seed di Federico Russo – Master in Visual Arts for the Digital Age, IED Milano.

All’avanguardia nel panorama della musica elettronica e delle sue interazioni con la cultura digitale, Sónar ha la capacità di far confluire artisti consolidati e talenti emergenti, in tutte le aree della produzione musicale e audiovisiva.

Sónar+D presenta una serie di attività progettate per l’utilità di varie comunità creative: sessioni di sviluppo, occasioni di scambio di idee e strumenti e opportunità di finanziamenti. L’obiettivo è di facilitare e migliorare la relazione tra creatività, tecnologia e innovazione in un contesto organico indirizzato a nuovi profili professionali.

IED partecipa a Sónar+D Universities Hub con 2 progetti:

A Swarm of Corrupted Seed, di Federico Russo – Master in Visual Arts for the Digital Age – IED Milano.
Il lavoro si basa sull’idea secondo cui gliessere umani sono costantemente modellati dalle esperienze che vivono. L’installazione si sviluppa sue tre livelli gerarchici interconnessi: stampe, cornice audiovisiva mobile attorno alle stampe e app di realtà aumentata. Le stampe racchiudono dei frame presi dalla cornice video e rappresentano simbolicamente degli eventi che non ricordiamo; la cornice audiovisiva esprime la natura umana in costante cambiamento; l’app di AR simboleggia le connessioni tra persone, la via suggerita per raggiungere i ricordi e riportarli in vita.

– SONO, a cura di un gruppo di studenti del Master in Interaction Design di IED Barcelona.
Il progetto vuole portare alla vita qualsiasi tatuaggio tramite un sistema che trasforma il tatuaggio in uno strumento musicale, consentendo l’utente di interagire con esso. Attraverso l’uso della realtà aumentata, gli studenti identificano il principale punto di interazione dell’immagine, a seconda del tipo di strumento scelto dall’utente. Un tatuaggio può interagire con un altro tatuaggio con la vicinanza, le onde sonore si uniscono a livello visivo. Per coloro che non hanno tatuaggi è stato anche sviluppato un set di tattoo temporanei, di modo che tutti possano interagire con SONO e portare a casa un piccolo souvenir.

Fonte: https://www.ied.it/blog/ied-sonard-universites-hub/63216

Autore dell'articolo: ied.it