Opale, Vitreo e Gessati: le novità di Antonio Lupi che punta, ancora una volta, sulla ricerca dei materiali

Per capire fino in fondo le ultime collezioni di Antonio Lupi occorre aprire una parentesi sulla sua storia. L’azienda nasceva infatti nel 1932 quando Antonio Lupi (a soli 18 anni) la fondava come produzione di cristalli e vetro per l’arredo, sancendo il feeling con questi materiali. I vetri divennero specchi e gli specchi diventeranno anche accessori per il bagno, fino al 1969, anno in cui con un nuovo stabilimento, l’azienda cavalca il trend del total look bagno. Nel 1983, la prima partecipazione di Antonio Lupi al Cersaie, la fiera dell’arredo bagno di Bologna. Nel 1991 la prima collezione in ceramica e nel 2002 la prima in Corian®. Vetro, cristallo, ceramica, Corian®: questo excursus storico racconta il viaggio nei materiali di Antonio Lupi, l’attenzione e la cura, la ricerca di quelli più adatti a incontrare il gusto del momento, e ad assecondare la creatività che negli ultimi anni è entrata con decisione nel settore dell’arredo bagno. L’ambiente funzionale per eccellenza si è fatto più bello che mai e la classica ceramica bianca, dal design basico, ha lasciato il posto a sperimentazioni di colori, forme e materiali. La funzionalità non è stata messa in un angolo, ma semplicemente declinata in modo più raffinato, ed ecco lavabi scultura, un autentico incanto per gli occhi.

Opale by Antonio Lupi Design

Vitreo by Antonio Lupi

Opale e Vitreo: il Cristalmood

Ne sono un esempio la collezione Opale, disegnata da Carlo Colombo e Andrea Lupi, è l’evoluzione della collezione Albume, che inaugurava l’utilizzo del Cristalmood, una resina creata proprio da Antonio Lupi, che viene tinta nello stampo. Il lavabo, una volta estratto dallo stampo, viene rifinito a mano. Dopo che la resina si è asciugata, viene carteggiata e lucidata manualmente, e poi rivestita di un fissativo di protezione. C’è dunque un’importante componente artigianale nel processo produttivo e questo rende ciascun pezzo diverso dagli altri e le collezioni in Cristalmood speciali. Opale ne rappresenta uno degli ultimi esempi: il suo nome rimanda all’effetto visivo di alcune pietre preziose ed è disponibile nelle 10 colorazioni del Cristalmood, anche combinate con le venature del marmo bianco di Carrara e del nero marquina. Oltre alla forma tonda, il lavabo è disponibile anche nella scultorea forma decagonale, nella versione da appoggio, oppure con colonna, circolare o prismatica. In Cristalmood è anche la collezione Vitreo, anch’essa di Carlo Colombo e Andrea Lupi. In questo caso, lavabo e colonna sono una sola cosa, un unico blocco di Cristalmood dalla sagoma decagonale di grande effetto. Opale e Vitreo sono innovativi nei materiali e nel design e sono perfetti per chi vuole dare al bagno un tocco di ricercatezza e incanto, grazie ai giochi di colore e trasparenze di questa speciale resina.

Gessati by Antonio Lupi

Gessati by Antonio Lupi Design

Gessati: il marmo di Carrara

La ricerca dei materiali è un tema che torna anche in un’altra nuova collezione: Gessati di Gum Design. Questa volta si tratta di un materiali iper tradizionale, ma senza tempo, il marmo di Carrara, che Gum Design ha interpretato in chiave contemporanea, per la sua prima collezione disegnata per Antonio Lupi. Il nome è il racconto dell’ispirazione del progetto: si tratta infatti di una collezione di lavabi caratterizzata dal motivo a righe parallele tipiche, appunto, dei tessuti gessati. Un materiale antico, gestito con progettualità innovativa: l’effetto gessato è ottenuto, infatti, incollando con una resina colorata, lamine di marmo da 1 o 2 centimetri. Il risultato è un alternanza di marmo e resina resa omogenea da un’accuratissima levigatura. I lavabi da appoggio Gessati sono disponibili in forma tonda, ovale o quadrata.

Possiamo aiutarti? Il nostro servizio di progettazione è a tua disposizione per aiutarti ad arredare casa con uno stile unico: il tuo. Contattaci via mail a [email protected] o telefonando al numero +39.090.6258945.

Fonte: https://shop.mohd.it/it/magazine/le-novita-antonio-lupi-2019/

Autore dell'articolo: mohd.it