Missoni, uncinetto che passione

Allegra, esuberante, piena di vita anche nelle giornate più uggiose: in occasione del Fuorisalone, Milano si veste di colori e di creatività, pronti a esplodere inaspettatamente dentro ogni cortile e oltre ogni vetrina. Varcando, per esempio, la soglia dello showroom Missoni in via Solferino 9 si entra in un mondo, quello dell’artista Alessandra Roveda, magicamente sospeso tra fiaba e realtà. Dal telefono alla bicicletta, dalla tavola imbandita al cavalluccio a dondolo, dai soprammobili ai lampadari, tutto ciò che si trova negli spazi di Home sweet home è ricoperto da coloratissimi fili di lana che sembrano intrecciarsi all’infinito.

Un progetto ambizioso, pienamente conforme allo stile vivace e fantasioso che da Rosita ad Angela ha sempre contraddistinto Missoni; una creazione che affonda le sue radici nelle pratiche domestiche di una volta, che risorgono a nuova vita nella fusione tra arte e design. Il linguaggio espressivo di Alessandra Roveda, laureata in Disegno industriale al Politecnico di Milano e da sempre innamorata dell’uncinetto,  trae, non a caso, ispirazione dallo sferruzzare della nonna. Tra le sue mani, il crochet diventa una veste in grado di trasformare comunissimi oggetti d’affezione in pezzi d’arredo unici, che possono essere acquistati tramite la Galleria di Paola Colombari o la Biennale d’arti applicate di Milano. La casa all’uncinetto di Missoni rimarrà aperta al pubblico fino alla fine del Salone.

Fonte: https://design.repubblica.it/2019/04/12/missoni-uncinetto-che-passione/

Autore dell'articolo: Design Repubblica.it