A-Round table: 10 tavoli tondi per trovare il vostro

La scelta del tavolo da pranzo è importante. Che vada nel dining o in un'area del living, il tavolo deve rispondere a canoni sia estetici che funzionali. Perché, sempre più, non è solo il luogo attorno al quale ci si riunisce per cenare con la famiglia e gli amici, ma il centro della casa, dove si lavora o semplicemente si fanno i compiti.

Ecco perché il tavolo da pranzo può essere considerato un vero e proprio investimento. I fattori da considerare per sceglierlo sono tanti e spaziano dalla forma ai materiali. Il più comune è quello rettangolare, più lineare e facile da collocare nello spazio. Ma noi vogliamo proporvi una scelta alternativa: il tavolo da pranzo rotondo. Preparatevi ad accogliere i vostri ospiti, quanti ne volete, senza problemi di disposizione e senza l'imbarazzo del "capotavola".

Soluzioni come Asterias di Patricia Urquiola per Molteni sono dichiarazioni di stile, estremamente decorative ma anche funzionali: al centro, questo generoso tavolo rotondo (il diametro del top è 160 o 180 cm) dispone di un accessorio tanto caro agli asiatici, il piatto girevole noto come Lazy Susan, che vi permetterà di godervi la cena senza preoccuparvi di passare continuamente i piatti ai commensali.

asterias-molteni-tavolo

Preparatevi ad abbellire il vostro ambiente con un elemento d'arredo pratico ma anche scultoreo, dalla linea morbida, ideale per una cena ma anche un meeting, e perfetto per chi in casa ha anche delle piccole pesti.

saarinen-knoll-tavolo-rotondo

Per scegliere il vostro tavolo, tenete a mente innanzitutto l'ingombro e le dimensioni della stanza. Tra il tavolo e le pareti o gli altri mobili è necessario lasciare circa 80 centimetri, mentre la zona di passaggio deve essere almeno di 120 centimetri. Ciascun commensale deve avere a disposizione almeno 60 cm per potersi muovere comodamente: quindi, la larghezza minima del top per un tavolo da quattro persone è di 80 cm, da otto di 150 cm.

Quanto ai materiali del tavolo da pranzo, non c'è che l'imbarazzo della scelta. Certo, lo stile deve uniformarsi al resto dell'ambiente, ma è importante considerare anche l'uso ed evitare superfici più delicate se il tavolo diventa anche piano di lavoro. Il legno massello è una delle scelte più robuste e affascinanti: garantisce durevolezza e, nel tempo, si arricchisce della vostra storia. Ovalette di Ilmari Tapiovaara per Artek, ad esempio, è un classico del nordic design (anno 1954), dalle linee essenziali e sempreverdi, adatto altrettanto bene a uno stile classico e a uno moderno.

artek-ovalette-tavolo

Più spiccatamente contemporaneo, ma di ascendenza nordica e progettato infatti dal danese Jakob Wagner è Branch di Cappellini, contraddistinto da una base scultorea composta da una ramificazione di elementi d'alluminio. Il top è disponibile in mdf, rovere o cristallo, quest'ultimo perfetto negli spazi più piccoli, grazie alla sua presenza accennata e leggera.

branch-cappellini-tavolo

Novità 2017, Florence di New Works ha un nome italiano ma un design sempre scandinavo, semplice ed esteticamente attraente.

new-works-florence-tavolo

Di diverso impatto visivo e indistruttibile, Tobi-Ishi di Edward Barber e Jay Osgerby per B&B Italia si ispira alle pietre ornamentali dei giardini giapponesi. Le sue due anime si svelano in base alla finitura che preferite: maestoso ed elegante in marmo (bianco Carrara o nero Marquinia), materico e "industrial" in legno e poliuretano trattati in "boiacca" di cemento, una sorta di pelle superficiale, coloratissimo quando è laccato.

tobi-ishi-beb-italia-tavolo

Restiamo in Italia con l'ormai iconico Air di Lago, che abbina legno e cristallo in modo insolito, invertendo il tradizionale rapporto tra pieni e vuoti puntando su un solido piano in legno grezzo Wildwood e delle gambe trasparenti in cristallo che amplificano la luminosità degli ambienti. La versione rotonda è una novità 2016.

air-lago-tavolo

Se il vostro tavolo da pranzo è destinato a ospitare un numero decisamente alto di ospiti, non abbandonate le linee curve ma puntate sul tavolo ovale: vi garantirà un ingombro minore e un elevato numero di posti a sedere, senza nessuna gerarchia.

Il tavolo da pranzo Infinity di Stefano Bigi per Porada è una scultura ellittica composta da un top in cristallo, una base in metallo cromato e un sinuoso ed elegante intreccio di legno massello. Con arredi dalla bellezza universale come questo, le distinzioni tra classico e contemporaneo perdono di significato.

porada-infinity-tavolo

Se cercate una forma decisamente più insolita, Jean Marie Massaud ha disegnato per B&B Italia il tavolo da pranzo che fa per voi: Seven, dal numero delle persone che può ospitare (3 sul lato più lungo, 2+2 sui lati rimanenti). Il top è in mdf ed è decorato con un'incisione a forma di "Y" in contrasto o ton sur ton.

seven-beb-italia-tavolo

Abbiamo tenuto la sorpresa alla fine, per i più esigenti: la versione ottagonale del tavolo da pranzo Plinto di Andrea Parisio per Meridiani. Un "tondo sbagliato" con infinite personalità di personalizzazione delle finiture e delle basi.

meridiani-plinto-tavolo

Se l'ambiente è piccolo potrete abbinare al tavolo da pranzo rotondo delle sedie trasparenti, contemporanee e visivamente "leggere"; se invece avete a disposizione un dining più spazioso potrete puntare su sedute di impatto. La scelta del tavolo rotondo si rivelerà comunque vincente.

Speriamo di esservi stati di ispirazione, contattate il nostro design team per progettare le soluzioni più datte a voi.

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime tendenze del design e i consigli per arredare dei nostri esperti e per non perdere le nostre esclusive promozioni riservate!

Possiamo aiutarti? Il nostro servizio di progettazione è a tua disposizione per aiutarti ad arredare la casa con un unico stile: il tuo. Contattaci via mail a [email protected] o telefonando al numero +39.090.6258945.


Fonte: https://shop.mohd.it/it/magazine/a-round-table-10-tavoli-tondi/

Autore dell'articolo: mohd.it