Superbonus, come orientarsi tra asseverazioni e attestati di congruità

27/01/2021 – Il Superbonus offre una detrazione fiscale del 110%. Un’opportunità talmente interessante che richiede accertamenti aggiuntivi e procedure rafforzate. Spesso questi oneri possono tradursi in un eccesso di burocrazia, scoraggiare gli interventi o causare errori.
 
L’Agenzia delle Entrate ha cercato di mettere ordine tra le procedure richieste e gli attestati da produrre.
 

Superbonus 110%, il visto di conformità

Oltre ad usufruire direttamente della detrazione, con un rimborso in cinque anni, il contribuente che realizza i lavori agevolati dal Superbonus può optare per lo sconto in fattura o la cessione del credito di imposta corrispondente alla detrazione.
 
SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL SUPERBONUS
 
In questi casi, è richiesto il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione presentata, che attesti la presenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione. Non è necessario il visto di conformità se si usufruisce direttamente della detrazione.  

Superbonus 110% e asseverazioni

Un discorso a parte meritano le asseverazioni, che devono essere prodotte sempre, a prescindere dal fatto che si usufruisca direttamente della detrazione o si opti per lo sconto in fattura o l cessione del credito.
 
Per gli interventi di efficientamento energetico, i tecnici devono asseverare il rispetto dei requisiti richiesti. Una copia dell’asseverazione deve essere trasmessa all’Enea.
 
Per gli interventi antisismici, la riduzione del rischio sismico deve essere asseverata dai professionisti incaricati della progettazione strutturale, della direzione dei lavori delle strutture e del collaudo statico, secondo le rispettive competenze, iscritti agli ordini o ai collegi professionali di appartenenza.  

Superbonus 110%, l’attestazione di congruità delle spese

Sia per gli interventi di efficientamento sia per i lavori antisismici, i tecnici devono attestare la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi realizzati. Si tratta di una novità, che non è prevista per altre detrazioni.
 
Le attestazioni sulla congruità delle spese devono essere prodotte sia se si usufruisce direttamente del Superbonus sia se si opta per lo sconto in fattura o la cessione del credito.
 

Superbonus, il ruolo dei professionisti

L’Agenzia delle Entrate spiega che i professionisti coinvolti nel Superbonus sono:
- gli architetti;
- gli ingegneri;
- i geometri per gli interventi di modesta entità;
- i certificatori energetici e gli altri tecnici chiamati al rilascio dell’APE.
  Fonte: https://www.edilportale.com/news/2021/01/risparmio-energetico/superbonus-come-orientarsi-tra-asseverazioni-e-attestati-di-congruita_80691_27.html

Autore dell'articolo: edilportale.com