L'equo compenso entra nella normativa del superbonus 110%

11/12/2020 - I progetti degli interventi che accedono al superbonus 110% nelle forme di sconto in fattura o cessione del credito devono essere pagati ai professionisti rispettando il principio dell’equo compenso.
 
Lo propone un emendamento alla legge di conversione del Decreto Ristori (DL 137/2020) presentato da 4 senatori di Fratelli d’Italia, che sarà discusso nelle prossime ore in Senato.
 

L’equo compenso entra nella normativa del superbonus 110%

Ai fini del superbonus 110%, “nell’ambito delle procedure previste per le detrazioni fiscali in materia di edilizia ed energetica sotto forma di crediti di imposta o sconti sui corrispettivi, cedibili ai soggetti interessati dalla vigente normativa, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari” - si legge nell’emendamento -, “è fatto obbligo nei confronti di questi, l’osservanza delle disposizioni previste in materia di disciplina dell’equo compenso”, nei riguardi dei professionisti incaricati agli interventi per i lavori previsti, iscritti ai relativi Ordini o Collegi professionali. 
 

Le disposizioni in materia di equo compenso sono quelle previste dalla Legge di Bilancio 2018 (articolo 1, comma 487 della Legge 205 del 27 dicembre 2017) in cui è stabilito che il compenso deve essere conforme al Decreto Parametri (DM 17 giugno 2016).
 
Il Ministro dello sviluppo economico, d’intesa con il Ministro della pubblica amministrazione - propone ancora l’emendamento - garantisce le misure di vigilanza ai sensi del precedente comma, segnalando eventuali violazioni all’Autorità garante per la concorrenza e del mercato (AGCM), ai fini del rispetto di quanto previsto dal presente articolo.
 

Equo compenso, le misure in atto

Il mancato rispetto dell’equo compenso nelle operazioni agevolate con il superbonus 110% è stato segnalato circa un mese fa, in una riunione operativa con il Ministero della Giustizia, dalla Rete delle Professioni Tecniche (RPT) che rilevava come “grandi aziende e general contractors stanno manifestando la tendenza al coinvolgimento dei professionisti dietro la corresponsione di compensi non adeguati”.
 
Nella stessa riunione, la RPT ha comunicato l’attivazione dei Nuclei territoriali di monitoraggio che hanno il compito di effettuare un primo screening delle segnalazioni che denunciano la mancata applicazione dell’equo compenso e di trasmetterle al Ministero della Giustizia il quale provvederà a segnalarle all’AGCM e a sollecitare i diretti interessati ad adeguarsi alla normativa.
  Fonte: https://www.edilportale.com/news/2020/12/professione/l-equo-compenso-entra-nella-normativa-del-superbonus-110_80104_33.html

Autore dell'articolo: edilportale.com