Crescono in Cina i Boschi Verticali firmati da Stefano Boeri Architetti

20/11/2020 - A Huanggang, nella provincia di Hubei, a circa 80 Km dalla città di Wuhan, in questi giorni una gru ha sollevato al 25esimo piano, a 90 metri da terra, il primissimo albero dell’Easyhome Huanggang Vertical Forest City Complex. Si tratta di un esemplare di Osmanthus fragrans, specie nativa dell’Hubei, a cui si aggiungeranno, per ogni torre, altri 395 alberi, 3.600 arbusti e 12.000 perenni. L’inaugurazione dei due Boschi Verticali avverrà a febbraio 2021. 

Anche nelle torri della Nanjing Vertical Forest, (il primo Bosco Verticale realizzato in Asia da Stefano Boeri Architetti, nel Distretto Ninjing Pukou, a 300km da Shanghai), gli alberi hanno iniziato a raggiungere i balconi che andranno ad ospitare complessivamente 27 specie vegetali autoctone, 600 alberi di grandi dimensioni, 200 alberi di taglia medio e oltre 2.500 tra arbusti e piante ricadenti. Il verde che andrà a coprire i 4.500 mq di superficie contribuirà alla rigenerazione della biodiversità locale e alla riduzione delle emissioni di CO2 di circa 18 tonnellate, producendo fino a 16,5 tonnellate di ossigeno ogni anno. La prima torre, alta 200 metri e coronata in cima da una lanterna verde (un involucro rivestito di rampicanti di quasi 5000 m2)  è adibita ad uffici – dal quinto al trentacinquesimo piano – e include un museo, una green architecture school e un rooftop club privato. La seconda torre, di 108 metri, prevede un hotel della catena Hyatt con 305 camere di diverso taglio (da 35 mq a 150 mq) e una piscina al quarto piano. L’inaugurazione delle due torri di Nanjing è prevista per il mese di maggio 2021.

“Siamo felici che anche in Cina il concetto di Bosco Verticale cominci a diffondersi. Le torri di Huanggang e di Nanjing sono destinate -come è stato per il primo Bosco Verticale realizzato nel 2014 a Milano- a diventare un modello di riferimento per l’architettura verde e sostenibile in Cina e nel Paesi del Sud Est asiatico” ha detto Stefano Boeri, fondatore con il partner Yibo Xu di SBA China.

“Con la realizzazione dei Boschi Verticali di Nanjing e Huanggang, il nostro studio ha dimostrato che è possibile -anche nel cuore delle grandi metropoli asiatiche- costruire edifici capaci di assorbire CO2 e le polveri sottili generate dal riscaldamento e dal traffico e di ridurre il consumo energetico per il condizionamento degli interni” ha dichiarato Yibo Xu, partner di Stefano Boeri in SBA China.

“La nostra attenzione si concentra sempre sulla flora originaria della regione in cui operiamo; cerchiamo specie interessanti che per lo più sono poco utilizzate nel giardinaggio tradizionale. A Huanggang la ricerca botanica si è concentrata sulle specie originarie della regione dell’Hubei, dalla quale sono giunte in Europa molte delle piante che coltiviamo correntemente nei nostri parchi e giardini e che noi europei conosciamo bene – commenta Laura Gatti, Dottore Agronomo che segue lo sviluppo del verde dei Boschi Verticali di SBA – Nonostante siano delle specie e delle varietà a noi ben note, diverse delle specie selezionate per Huanggang sono state coltivate appositamente per questo progetto, in quanto nella regione di origine non si trovano nei vivai, poichè considerate troppo ‘wild’. La loro introduzione aggiunge valore al progetto in termini di biodiversità, attrattività e identità. Lo scambio di esperienze e conoscenze fra noi e i colleghi cinesi è certamente motivo di crescita reciproca lungo la strada tracciata dall’architetto Boeri” 

I due progetti di Boschi Verticali in Cina sono stati progettati dal team di SBA China diretto da Yibo Xu, e guidato da Pietro Chiodi Architecture Design Director.

Fonte: https://www.archiportale.com/news/2020/11/architettura/crescono-in-cina-i-boschi-verticali-firmati-da-stefano-boeri-architetti_79738_3.html

Autore dell'articolo: Archiportale