Il Coronavirus ispira la street art

'Stay Safe' @ponywave_Courtesy of the artist 'Stay Safe' @ponywave_Courtesy of the artist

15/04/2020 - 'L'era del coronavirus' raccontata sui muri delle nostre città. Si moltiplicano nel mondo le opere di street art che interpretano il singolare momento storico che stiamo attraversando. Non solo semplici murales, ma anche messaggi di speranza e provocazioni dissacranti. 

Tempo di mascherine, amuchina, quarantene e lockdown. Da circa due mesi l’argomento covid-19 è in prima linea su tutti i media, entrato prepotentemente nelle vite di tutti con in dote un bagaglio di parole chiave dell'emergenza che ormai fanno parte del nel nostro vocabolario quotidiano. 


Londra, @lionel_stanhope, Courtesy of the artist.

Tema, quello del virus, diventato il soggetto preferito di diversi artisti di strada che, attraverso la loro arte, reagiscono con l'arte e la creatività alla paura dell'epidemia lasciando sui muri cronache dipinte del nostro presente.


'Keep calm and corona', @tylerstreetart_Courtesy of the artist.

Tra gli argomenti più affrontati c'è sicuramente quello dell’amore al tempo del covid-19. A rappresentarlo anche l'artista Pony Wave ha dipinto su un muro di Venice Beach in California due innamorati, con tanto di mascherine. L'artista americana con un post sul suo profilo Instagram scrive: "è tempo di guardarci dentro e capire cosa stiamo facendo al nostro pianeta e alle nostre vite". 


'L'amore al tempo del Covid', @tvboy Courtesy of the artist.

Un altro bacio è comparso a Milano, opera dell'italiano Salvatore Benintende, in arte Tvboy che ha rappresentato una personale rivisitazione del celebre quadro “Bacio” di Francesco Hayez: due amanti del 2020 con tanto di mascherina e Amuchina. 


'Super Nurse', @iamfake - Courtesy of the artist.

Altro tema affrontato è quello della sanità, dove i protagonisti sono coloro che fronteggiano in prima linea l'emergenza del coronavirus. Dedicata a loro è l’opera “super nurse” di Fake, un inno agli operatori sanitari di tutto il mondo. L’opera si trova ad Amsterdam.


'My Corona', B.S. - Courtesy of the artist 

L'artista tedesco Ben Smith ha invece affrontato il tema del lockdown nella sua città, Berlino. "Ho creato il pezzo poco dopo la chiusura di tutti i locali, ho camminato lungo la strada per Mauer Park e una parete bianca ha attirato la mia attenzione. Sentivo parlare di distanziamento sociale ormai da giorni e questa espressione mi angosciava. Allora sono uscito e ho rappresentato quello che provavo in quei giorni".


'Sweet Home' @nellopetrucci- Courtesy of the artist

L'imperativo di rimanere a casa è il messaggio che ha voluto invece sottolineare l’artista Nello Petrucci che con nella sua opera "sweet home" apparsa nelle strade di Pompei ritrae un mito domestico per antonomasia: la famiglia Simpson.


@tvboy - Courtesy of the artist.

Ma qualcuno pensa già ad un possibe scenario post-covid.
Con l’augurio di 'buona Pasqua' l'ultima opera dell'artista Tvboy pubblicata il giorno di venerdì santo sul suo profilo instagram preannuncia uno scenario per la 'fase 2' dell'emergenza. 
Nella didascalia si legge: "Il ribaltamento di prospettiva provocato dalla crisi sanitaria vede l’uomo in gabbia e gli animali in grado di vivere in piena libertà. Abituati alla libertà, adesso padre, madre e figlia si trovano rinchiusi in un’uccelliera. Non si guardano tra loro: gli occhi sono rivolti verso l’esterno della gabbia, con la faccia all’insù.."

Fonte: https://www.archiportale.com/news/2020/04/architettura/il-coronavirus-ispira-la-street-art_75934_3.html

Autore dell'articolo: Archiportale