L’evoluzione del bistrot

Dimensione testo  

07/11/2019 – Riapre a Bari, in una veste rinnovata, La Battigia, il ristorante ove la ricerca dei dettagli sartoriali si fonde con una atmosfera informale e accogliente in una rivisitazione di un tipico bistrot parigino.
Rispetto ai classici bistrot gli spazi diventano però più luminosi, i cibi più ricercati, l’atmosfera metropolitana e gli ambienti diversificati, tutti legati da un bilanciato equilibrio tra lusso e semplicità.

L’ispirazione dei due architetti Mariolina Boffoli e Roberto Caputo, fondatori dello ABC Studio con sede a Bari e a Milano, nasce dall’esigenza di realizzare un restyling degli ambienti in armonia con lo stile dello storico palazzo di inizi Novecento, nel quale è ubicato. Partendo infatti dall’accurata progettazione degli infissi in stile coevo, con bugne e riquadri, si entra in un ambiente di gusto retrò che fonde la maestria nell’uso di tecnologie avanzate alla ricerca di dettagli più classici. Le vetrate danno la possibilità di ammirare la prospettiva della città da un lato il teatro Margherita e dall’altro l’Albergo delle Nazioni uniti dal Lungomare A. di Crollalanza. 

Entrando l’atmosfera appare subito informale grazie alla presenza di un grande bancone curvo aggregante, cuore del locale. Da questa prospettiva si apprezza la vineria retroilluminata che primeggia da tutti i punti del ristorante. 
L’ idea progettuale di rendere gli ambienti allo stesso tempo lussuosi ma informali si evince dalla scelta degli architetti di creare ambientazioni differenti, legate da un particolare pavimento a quadrotte effetto parquet che caratterizza gli ambienti rendendoli accoglienti.

Protagonista dello spazio la grande vetrata che delimita la grande sala in cui si ricrea un ambiente domestico con un camino, una scultura, delle piattaie e un divano lineare.
Due pareti curve che avvolgono tavoli circolari, con maestosi lampadari, ricreano due angoli privè ovattati in uno spazio riservato e decorato da una carta da parati sinuosa che riecheggia i colori del mare. 
A vista la saletta di selezione pesce ove, a vista dietro una grande vetrata, si colloca la cucina con chef che preparano tutto sotto gli occhi dei commensali. 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

‘); $shareContainer.after(facebookShare); var onFacebookSDKGot = function () { try { FB.Event.unsubscribe(‘edge.create’); FB.Event.unsubscribe(‘edge.remove’); } catch (e) { } FB.Event.subscribe(‘edge.create’, function (targetUrl) { _gaq.push([‘_trackSocial’, ‘facebook’, ‘like’, targetUrl]); }); FB.Event.subscribe(‘edge.remove’, function (targetUrl) { _gaq.push([‘_trackSocial’, ‘facebook’, ‘unlike’, targetUrl]); }); FB.XFBML.parse(jQuery(‘#facebookShareSend’).get(0)); }; if (typeof (FB) != ‘undefined’) { onFacebookSDKGot.call(); } else { FB = undefined; jQuery.ajax({ async: false, type: “GET”, url: “https://connect.facebook.net/it_IT/all.js”, data: null, error: function (data, textStatus, jqXHR) { }, success: function (data, textStatus, jqXHR) { onFacebookSDKGot.call(); }, dataType: ‘script’ }); } }; jQuery(window).load(function () { //$(document).ready(function () { setTimeout(showFbShareButton, 600) }); <!–

–>

Fonte: https://www.archiportale.com/news/2019/11/case-interni/l-evoluzione-del-bistrot_73209_53.html

Autore dell'articolo: Archiportale