GC17: l'ex-stalla convertita in appartamento

01/07/2019 - All’interno di un giardino di una villa storica a Portici, in provincia di Napoli, il progetto di ristrutturazione GC17 di FADD Architects converte un ambiente originariamente utilizzato come stalla in un appartamento.

Il tetto a falde, le differenti altezze e la luce naturale hanno guidato la logica del progetto di interior, dai colori chiari e dai materiali e linee essenziali.

Lo spazio a doppia altezza accoglie chi entra ed un mobile in pannelli di legno bianchi delimita la zona giorno e la zona notte, fungendo anche da guardaroba e da contenitore per alcuni elettrodomestici della cucina.

L’ambiente principale è situato nella parte sud della casa, la più luminosa. All’ingresso, a doppia altezza, un mobile in legno bianco distribuisce lo spazio delimitando la zona giorno. La cucina e il living diventano così un unico ambiente dove il bianco delle pareti e degli arredi esalta il pavimento in legno di rovere naturale ed i rivestimenti in marmo di cervaiole del piano della cucina.

Una scala bianca in resina conduce al mezzanino dove trova posto una zona relax. Le due finestre tra le falde lasciano entrare la luce creando un'atmosfera inaspettatamente luminosa, ampliando il volume dello spazio interno. Al di sotto, la zona notte con i servizi e la camera padronale.
Quest’ultima, con bagno privato ed un piccolo patio, è arredata da pareti bianche, dal pavimento in resina e da un soffitto in legno di abete che rendono l’ambiente caldo ed ospitale. Completano la stanza gli armadi ed il letto realizzati su misura da artigiani locali.
Una vasca incassata in cemento ed un lavabo monolitico in travertino romano caratterizzano invece il bagno padronale.

Il bianco ed il legno sono i protagonisti del progetto di interior design: il risultato finale è un appartamento dal carattere minimalista, ma accogliente, coerentemente organizzato e curato nei minimi dettagli.

Fonte: https://www.archiportale.com/news/2019/07/case-interni/gc17-l-e-stalla-convertita-in-appartamento_71075_53.html

Autore dell'articolo: Archiportale