La vita di Mies van der Rohe diventa un fumetto

mages courtesy of Agustín Ferrer Casas mages courtesy of Agustín Ferrer Casas

26/04/2019 – Mies van der Rohe, padre del movimento moderno, uno tra gli architetti più importanti del secolo scorso. Su di lui sono stati scritti moltissimi libri, le sue opere sono studiate in tutte le facoltà di architettura del mondo, ma una biografia in formato fumetto che riguardasse la sua vita e le sue immortali architetture non era mai stata scritta. Fino a pochi mesi fa, quando l’illustratore spagnolo Agustín Ferrer Casas decide di pubblicare Mies, una graphic novel edita da Grafito Editorial. 176 pagine che ripercorrono la vita dell’architetto tedesco, con tutti gli eventi chiave che l’hanno segnata e con una prefazione firmata dal celebre architetto britannico Norman Foster che definisce Mies “uno dei pochi architetti del Ventesimo secolo che ha contribuito a plasmare l’architettura del presente e probabilmente anche quella del futuro”

“Si tratta di una biografia romanzata”, spiega Ferrer Casas, “ed è basata su numerosi altri scritti di altri autori oltre che di Mies stesso. In questo libro ho cercato non soltanto di mostrare il suo lavoro, ma soprattutto la sua vita, la sua personalità. Tutto quello che lo ha reso un grande architetto e cosa ci ha lasciato con la sua ambizione a costruire”.

Il racconto parte da un volo per Berlino Ovest preso da Mies per assistere alla posa della prima pietra della National Gallery. Darante il viaggio l’architetto fa il punto della sua vita con suo nipote, l’architetto Dirk Lohan. Attraverso un lungo flash back si susseguono così racconti di vita e progetti, in cui storie di clienti, partner, avversari, amici, amanti si mescolano: dall’esperienza del Bauhaus alla fuga dalla Germania nazista, fino alla sua attività negli Stati Uniti, svolta soprattutto nella città di Chicago. Una vita segnata dall’ambizione di costruire che lo ha sempre contraddistinto.

Fonte: https://www.archiportale.com/news/2019/04/architettura/la-vita-di-mies-van-der-rohe-diventa-un-fumetto_69980_3.html

Autore dell'articolo: Archiportale