Bonus mobili, ok alla detrazione se si sostituisce la caldaia

14/02/2019 – La sostituzione della caldaia consente di beneficiare del bonus mobili a condizione che ci sia un risparmio energetico rispetto alla situazione preesistente.
 
A chiarirlo l’Agenzia delle Entrate nelle Faq presenti nella nuova guida al bonus mobili.

Sostituzione caldaia: è manutenzione straordinaria

Ricordiamo che gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, ammessi alla detrazione del 50%, costituiscono presupposto per l’accesso al ‘bonus mobili’, a patto che si tratti quanto meno di interventi di manutenzione straordinaria eseguiti su singole unità immobiliari abitative.
 
Gli interventi finalizzati al risparmio energetico e, in particolare, quelli che utilizzano fonti rinnovabili di energia, sono riconducibili alla manutenzione straordinaria per espressa previsione normativa (articolo 123, comma 1, Dpr 380/2001).
 
Negli altri casi, dovrà esserne valutata la riconducibilità alla manutenzione straordinaria, tenendo conto che gli interventi sugli impianti tecnologici diretti a sostituirne componenti essenziali con altri che consentono di ottenere risparmi energetici rispetto alla situazione preesistente, rispondono al criterio dell’innovazione e sono tendenzialmente riconducibili alla manutenzione straordinaria.
 
Quindi, la sostituzione della caldaia, in quanto intervento diretto a sostituire una componente essenziale dell’impianto di riscaldamento, è qualificabile come ‘manutenzione straordinaria’.
 

Sostituzione caldaia e agevolazioni

Di conseguenza, la sostituzione di una caldaia dà diritto al bonus ristrutturazioni e, come conseguenza, consente l’accesso al bonus mobili
 
In alternativa al bonus ristrutturazioni, la sostituzione della caldaia può beneficiare dell’ecobonus (che però non dà diritto al bonus mobili). In questo caso, non è semplicemente richiesto un miglioramento energetico rispetto alla situazione precedente ma sono necessari requisiti specifici:
– la sostituzione di una calda esistente con caldaie a biomassa e caldaie a condensazione almeno in classe A (ecobonus 50%);
– la sostituzione di una calda esistente con caldaie a condensazione almeno in classe A e con sistemi di termoregolazione evoluti (ecobonus 65%).
 Fonte: https://www.edilportale.com/news/2019/02/risparmio-energetico/bonus-mobili-ok-alla-detrazione-se-si-sostituisce-la-caldaia_68632_27.html

Autore dell'articolo: edilportale.com