La Biennale di Street Art a Padova è un’esplosione di colori

Dopo il successo della prima edizione nel 2019, torna Super Walls, la Biennale di Street Art che coinvolge decine di artisti italiani e stranieri, di fama internazionale, per impreziosire attraverso le loro opere grandi muri dislocati nel tessuto urbano di otto comuni tra Padova e provincia.

La kermesse, che si terrà dal 5 al 20 giugno 2021, vede partecipare 40 street artist, di cui 12 donne coinvolte nello spin-off WonderWalls, provenienti da cinque paesi europei e impegnati ad elaborare il tema della rinascita su 35 superfici messe a disposizione da realtà private e istituzionali, aziende, strutture ricreative, supermercati, istituti religiosi, fino all’Università degli Studi di Padova e agli ospedali cittadini.

JDL_02

JDL

Super Walls 2021 è una manifestazione che celebra l’arte di strada, sempre più spesso, da Milano a Roma, considerata come strumento di valorizzazione del paesaggio urbano che ha già visto, con l’edizione passata, realizzare 20 imponenti opere che fanno dei comuni ospitanti una vera e propria galleria artistica a cielo aperto.

Il parterre di artisti che ha deciso di aderire alla call to action lanciata dai curatori dell’evento, il gallerista Carlo Silvestrin e la critica d’arte Dominique Stella, è composto dai padovani Alessio-B, Any, Axe, Boogie.EAD, Joys, Orion, Peeta, Roulè, Tony Gallo, Yama e Zero Mentale, e numerosi nomi noti del panorama internazionale, tra cui le olandesi JDL e Nina Valkhoff, le spagnole Medianeras, Nuriatoll, Doa Oa, Spok e gli Alegría del Prado, i francesi Nerone, Daco, Anna Conda, David Karsenty e il collettivo La Crémerie, la tedesca Julia Benz.

Altri artisti italiani che si esibiranno nell’applicazione del loro filtro creativo rispetto al tema della rinascita alle porte dell’era post-pandemica sono: Alessandra Carloni, Bolo, Evyrein, Gabriele Bonato, Mrfijodor, Paolo Psiko, Shife e Ra.Men.

Alegria del Prado_02

Alegria del Prado

L’evento, promosso dal Comune di Padova, dal Comune di Abano Terme e dall’Associazione Culturale CIMI, è realizzato con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, in collaborazione con InfoCamere, Provincia di Padova, Università degli Studi di Padova e i Comuni di Limena e Mestrino. Patrocinano l’iniziativa Assindustria Venetocentro, CCIAA Padova, UPA Confartigianato Padova e Regione del Veneto. I comuni coinvolti sono, oltre a Padova e Abano Terme a fare da traino: Albignasego, Limena, Mestrino, Tombelle di Saonara, Sarmeola di Rubano e Veggiano. Tra i partner tecnici compare anche una vernice “mangia inquinamento”.

LEGGI ANCHE:

Street art a Milano: così la città diventa un museo a cielo aperto

Street art a Roma: un tour inedito nella Città Eterna, la più amata dai writer

Living ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: https://living.corriere.it/tendenze/arte/street-art-padova-biennale/

Autore dell'articolo: living.corriere.it