Alberi da giardino sempreverdi

In uno spazio verde, la piccola vegetazione è importante per dare colore e volumi ma sono gli alberi da giardino, sempreverdi in primis, a svolgere un ruolo centrale nello schema complessivo del progetto. Caducifoglia o sempreverde, la scelta dipende dallo stile: se abbiamo bisogno di fondali permanenti, i sempreverdi sono più indicati, se invece vogliamo enfatizzare le atmosfere stagionali, possiamo scegliere alberi spoglianti perché in autunno sfoggiano colori accesi.

In questo breve articolo, vedremo 10 specie sempreverdi adatte a crescere in spazi ridotti insieme agli aspetti progettuali fondamentali da considerare a prescindere dal tipo di albero che mettiamo a dimora. A quale distanza piantare gli alberi? Che forma dovrebbe avere la chioma?Il giardino si disegna con gli alberi, e non contano soltanto le loro dimensioni. Ciò che è importante è capire quale relazione si instaura con gli altri elementi, edificati o coltivati. Negli giardini che hanno un perimetro medio bisogna meglio non scegliere alberi giganteschi come platani o eucalipti. Una ulteriore valutazione riguarda le dimensioni della casa, questo perché il rapporto di scala con l’abitazione è importante.

In un giardino piccolo e assolato le chiome dei sempreverdi non dovrebbero stare troppo in alto, distanti rispetto alle persone che lo fruiscono, per creare una sorta di soffitto immaginario, uno spazio intimo e raccolto, e preziosi angoli di ombra. Oltre agli alberi veri e propri, esistono anche degli arbusti sempreverdi che, se potati sin dai primi anni, crescono assumono forme ornamentali, simili a quelle di un alberello, adatte a dare struttura alle bordure e a creare un insieme armonico. La Camelia japonica ad esempio, oppure il ligustro, il pitosforo e viburni si comportano in questo modo. Ecco qualche idea su come valorizzare il giardino con alberi sempreverdi, utili a creare punti focali, quinte, stanze a cielo aperto.

10 alberi da giardino sempreverdi

Acca sellowiana

Molto simile all’olivo come portamento e colore, è un albero rustico con foglie grigio-verdi e produce fiori vistosi. Ciò che lo rende prezioso è la sua tolleranza al vento marino che molte volte danneggia la vegetazione dei giardini lungo i litorali.

Cinnamon tree o albero della canfora

è un albero sempreverde profumato, con foglie molto ornamentali di colore verde chiaro, per questo viene in aiuto quando si desidera schiarire la vegetazione più scura del giardino.

Chamaerops humilis

è una palma nana che cresce spontanea nel bacino del Mediterraneo. Raggiunge 6 metri di altezza e quindi è perfetta per i giardini di media grandezza. Può essere coltivata in terra o in vaso, come punto focale o lungo muretti perimetrali. Tollera bene il freddo.

Camelia japonica

Si tratta di un arbusto che può raggiungere l’altezza di un albero piccolo. Per ottenere la forma ornamentale, si sfoltisce al piede della pianta con potature che mirano a far sviluppare il fogliame nella parte finale. Si presta per fare siepi meno convenzionali. Cresce bene in terra per acidofile e ama l’ombra parziale.

Magnolia

La magnolia è un albero che gradisce le posizioni protette, non del tutto assolate, terreni ricchi e ben drenati ma non secchi. Solitamente stupiscono per la loro maestosità, ma esistono varietà nane che si fermano a 10 metri di altezza e per questo sono più indicate nei piccoli giardini domestici, tra cui Magnolia macrophylla.

Quercus ilex (leccio)

Nei giardini austeri, di respiro classico, il leccio trova il suo habitat perfetto. È una specie mediterranea che si può piantare in forma lineare o in gruppi per creare boschetti. Molto usata nell’arte topiaria perché sopporta bene le potature. Resiste al freddo e tollera l’ombra.

Olivo

Un albero va osservato in tutte le sue parti, oltre alla chioma anche il tronco può essere molto suggestivo, come nel caso dell’olivo. L’acquisizione della forma di quest’ultimo cambia da elemento a elemento, e questo lo rende affascinante. Anche se la pianta non è produttiva, meglio potare per svuotare la chioma e permettere al sole di raggiungere bene l’impalcatura.

Prunus cerasifera ‘Pissardii’

La chioma rossa del Prunus cerasifera ‘Pissardii’ è fortemente caratterizzante. Prima di scegliere quali alberi piantare nel nostro spazio, bisogna analizzare il punto di vista, cioè da quale angolo della casa guarderemo la chioma (in città la vista dall’alto è molto frequente). Ama i suoli drenati, pieno sole o mezz’ombra. Di solito non supera 10 metri per cui è indicato per cortili e piccoli giardini.

Pino mugo

Le conifere hanno una forma molto architettonica, forse per il tronco scolpito, oppure perché seguono il vento e assumono pose suggestive come quelle dei bonsai. Il pino si trova con forme svariate e accontenta tutti i gusti. Tra questi il pino mugo è straordinario, piccolo e forte, tollera il vento marino.

Citrus

Forniscono frutta e sono profumati, sono in molti a non voler rinunciare all’aroma del Citrus, in giardino ma anche sulle terrazze, perché si adattano ai vasi. Se si desidera avere un frutteto in giardino, allora coltiviamoli tutti assieme, per creare un ambiente produttivo ma anche bello da vedere.

 
Sonia Santella

Sonia Santella green designer

La semplicità vince
Nata a Roma, formata a Stoccolma e in giro per l’Europa. Oltre a progettarli, i giardini amo raccontarli in libri e reportage. Vivo nella capitale in una casa anni 20, con figlio e due cani. L’idea per un progetto salta fuori quando meno te lo aspetti, ma per realizzarla ci vuole una buona capacità di sintesi: prima di aggiungere scegliamo cosa togliere. Giardino o terrazzo, vince la semplicità, l’armonia dei volumi, le ambientazioni che esprimono una scelta di stile. Ho un’altra passione, le facciate delle case d’epoca, una vera e propria ossessione. Questo il mio sito

Living ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: https://living.corriere.it/tendenze/green/alberi-da-giardino-sempreverdi/

Autore dell'articolo: living.corriere.it