Lo ‘smart access’ entra nell’edilizia con Latch

Lo ‘smart access’ entra nell’edilizia con Latch

Latch è la prima piattaforma di gestione degli accessi ‘smart’ per il mercato residenziale plurifamiliare ed è alimentato da una tecnologia di crittografia e sicurezza di alto livello. Il sistema IoT della start up Latch, co-fondata dall’ex dipendente Apple Luke Schoenfelder e da Brian Jones, consente ai residenti e agli operatori degli edifici di sbloccarne le porte (ingressi principali, appartamenti individuali, centri sanitari e altri spazi ricreativi) tramite smartphone. Si tratta di una soluzione full-building e di una suite di strumenti software mobili e basati sul web che lavorano insieme per supportare le esigenze di residenti, proprietari di edifici e fornitori di servizi.

La società ha raccolto 70 milioni di dollari (circa 60 milioni di euro) nel round di finanziamento di serie B guidato da Brookfield Ventures e Lux Capital, RRE Ventures, Primary Venture Partners, Third Prime, Camber Creek, Corigin Ventures, Tishman Speyer e Balyasny Asset Management.

“Il settore delle ‘smart lock‘ (serrature intelligenti, ndr) – spiega Schoenfelder alla testata AlleyWatch – si è dedicato fino ad oggi ai dispositivi di consumo progettati per il retrofit di case unifamiliari. I problemi di accesso che questi dispositivi risolvono sono relativamente minori, di solito un unico punto di accesso e un numero limitato di utenti. Latch, invece, risolve il problema di accesso molto più complesso negli edifici multi-unità, dove sono presenti molti punti di accesso e un insieme diversificato di utenti, ad esempio i corrieri addetti alle consegne”. In questo caso specifico, ad esempio, Latch offre consegne integrate di accesso intelligente direttamente con i corrieri di pacchi nazionali. Ovvero, per i residenti che vivono in edifici abilitati a Latch, i vettori hanno le credenziali preliminari per lasciare i pacchi all’interno dell’atrio dell’edificio o in un altro spazio sicuro.

Sul fronte della sicurezza, qualsiasi tentativo di sblocco viene registrato in un audit trail digitale, che include anche una foto scattata dal dispositivo quando si accede a una porta pubblica o viene concesso l’uso da parte degli ospiti.

Latch attualmente vende solo a sviluppatori, proprietari e operatori di proprietà multifamiliari. “Attualmente ci sono circa 20 milioni di unità residenziali plurifamiliari negli Stati Uniti, cui se ne aggiungono circa 350mila ogni anno di nuova costruzione – conclude Schoenfelder -. Ciò si traduce in oltre 64 milioni di americani che vivono in edifici residenziali plurifamiliari, circa il 22% della popolazione totale che vive in strutture permanenti”.

Fonte: https://design.pambianconews.com/lo-smart-access-entra-nelledilizia-con-latch/

Autore dell'articolo: design.pambianconews.com