Una borraccia per ogni occasione

Le grandi rivoluzioni si possono fare anche con piccoli gesti. Come quando si parla di rispetto per l’ambiente. Passare all’uso regolare della borraccia, da acquistare online e riempire con l’acqua del rubinetto o con bevande calde durante la giornata anziché consumare bottigliette e bicchieri monouso, per esempio, può fare la differenza sia in termine di accumulo di rifiuti di plastica sia di riduzione del carico ambientale legato alla produzione e al trasporto di acqua in bottiglia.

Per alcuni è una scelta etica, per altri semplice moda, sta di fatto che sempre più aziende propongono borracce in diversi materiali e per diverse occasioni d’uso, facilitandoci da un lato l’adozione di questa nuova abitudine, dall’altro rendendo necessario fare un po’ di chiarezza su materiali e tipologie più adatte alle nostre esigenze.

Caldo o freddo, la borraccia termica è la risposta

Per non separarsi dalla tisana preferita o per avere sempre acqua fresca a portata di mano l’ideale sono le borracce termiche. Capienza, isolamento termico, materiali, peso e chiusura del tappo sono fra gli elementi da considerare nella scelta, pensando alla destinazione d’uso principale. Per esempio, quelle di Takeya hanno un doppio strato che evitano la condensa, garantendo così un’ottima presa.

La borraccia in alluminio sì o no?

La leggerezza di questo materiale è imbattibile, ma il tema è controverso: non tutti considerano l’alluminio come il materiale più sicuro per una borraccia. Buona norma è verificare che nelle caratteristiche tecniche siano indicati i tipi di liquidi da evitare, il tipo di rivestimento interno utilizzato e che siano facilmente lavabili. Le linee Futura e Classic della Laken rispettano tutti questi requisiti con modelli colorati e adatti a ogni occasione.

borraccia-acciaio-chilly-livingcorriere

Borraccia in acciaio Chilly’s

In viaggio o per lo sport meglio la borraccia in plastica

Più leggere di quelle in acciaio, meno costose e meno delicate, le borracce in plastica sono perfette nelle occasioni di viaggio o sportive. Sebbene ormai la qualità delle plastiche sia generalmente buona, è meglio verificare il materiale: tritan, polipropilene, polietilene, PET sono plastiche in cui il rischio di migrazione di sostanze potenzialmente pericolose è minimizzato. La Duolock di Platypus ha una forma ergonomica pensata proprio per escursioni ad alto tasso di dinamismo. È possibile anche accessoriare la propria borraccia basica con ganci e tappi speciali dotati di una cannuccia ad apertura facilitata con chiusura ermetica, come lo Sport Lid di 24bottles. Oppure, per gli amanti di the e infusi anche in viaggio, la Infuser Bottle con colino incorporato.

Affidabile come una borraccia in acciaio

Al momento è il materiale più performante. L’acciaio inossidabile è resistente, non si lascia corrodere anche se a contatto con bevande particolarmente acide, è relativamente inerte rispetto a liquidi come acqua, bevande energetiche, succhi di frutta. In più, se cade, si ammacca (forse) ma non si rompe (sicuro). Da tenere presente, però, che pesa più degli altri materiali, quindi valutare bene i formati e l’uso che se ne vuole fare. Le soluzioni di 24Bottles o Chilly’s contemplano anche un design davvero gradevole.

giphy

La borraccia in vetro per i duri e puri

In teoria, il vetro è il materiale migliore per contenere liquidi perché azzera i rischi di contaminazione da parte di sostanze organiche. In pratica non passa a pieni voti il test della praticità per fragilità e peso. Ma tutto dipende dall’uso. Se diventa la bottiglia dell’acqua da portare con sé durante la giornata lavorativa in ufficio, quella di Memo Bottle, per esempio, è perfetta.

Come tenere pulita la borraccia

Odori o sapori sgradevoli, muffe e batteri possono formarsi in seguito a un uso troppo prolungato della borraccia. Per questo anche i modelli più “sicuri”, come quelli in acciaio o in vetro, necessitano di una regolare pulizia. La soluzione più rapida è quella con scovolino di plastica e sapone per i piatti, consigliata subito dopo l’uso ogni volta che si usi la borraccia con tè o succhi.

Alcuni modelli si possono mettere in lavastoviglie, dopo aver controllato le istruzioni. Per eliminare gli odori che possono formarsi con il tempo basta versare nella borraccia acqua calda e un cucchiaino di bicarbonato; chiuderla, agitare, e lasciarla riposare per 10 ore; poi svuotarla e sciacquarla con acqua fresca corrente.

Fonte: https://living.corriere.it/tendenze/lifestyle/borraccia-bella-online/

Autore dell'articolo: living.corriere.it