Bar Basso, ritratti milanesi

Se Milano resta la città simbolo del design, il Bar Basso rimane, internazionalmente, il bar del design. L’ultimo appuntamento rituale della notte nelle lunghe giornate del Salone e del Fuori Salone del Mobile, un luogo dove re-incontrarsi tutti meno formalmente e far partire altre sinergie e, perché no, imbastire nuovi progetti.

Bisognerà avere pazienza per ritrovarsi al Basso degli anni passati, quello delle folle paciose e brindanti. Non importa, Milano ha pazienza se è per il bene di tutti. Milano ricomincia a vivere lentamente e in questa settimana inaugura in modo sicuro piccoli eventi del design e riprende a far girare le idee.

bar-basso-ph-delfino-sisto-legnani-_DSL0096 copy

Il Bar Basso, design o non design, esiste e resiste come molti altri bar in questa e altre città. «Gli ultimi mesi non sono stati facili per nessuno e tanto meno per tutte le attività legate alla ristorazione e ad attività ricreative” dice Valentina Ciuffi, di Studio Vedèt. “per questo abbiamo deciso di dedicare la nuova mostra online del Bar Basso alle persone che “fanno” il bar. A partire da Maurizio Stocchetto, leggendario proprietario del bar, arrivando a tutti gli altri camerieri e baristi».
bar-basso-ph-delfino-sisto-legnani-_DSL0178 copy
Vedèt cura da tempo il sito web del Basso, creando mostre online sulla sua pagina. Se le precedenti hanno celebrato le star del design – e non solo – che lo frequentano, i suoi cocktail insuperabili, la sua grafica, questo racconta le persone che lo animano. Catturati dalla penna di Corrado Beldì, in brevi ed efficaci racconti, ritratti dalla camera infallibile di Delfino Sisto Legnani, i “ragazzi” del Basso sono protagonisti di una mostra leggera e divertita, piena di speranza per il futuro della città.

Fonte: https://living.corriere.it/tendenze/lifestyle/bar-basso-mostra-online/

Autore dell'articolo: living.corriere.it