ArteParco 2020

Dopo il successo delle prime due opere, Animale – Vegetale (Il Cuore) dell’artista-designer Marcantonio e (specchi angelici) dell’artista Matteo Fato, protagonista della terza edizione di ArteParco è Alessandro Pavone (Trento, 1973) con l’opera Un tempo è stato visibile dall’1 agosto. (Foto in apertura: Alessandro Pavone – Le Mani, installazione in legno, Ledro Land Art, 2012, ph Massimo Vicentini)

L’artista ha immaginato un’imponente installazione lignea site-specific (5×2 metri circa) raffigurante un tronco di braccio umano, dalla cui mano sembra nascere uno degli affascinanti alberi presenti nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise: una riflessione sul legame tra uomo e natura, sulla meraviglia del ciclo della vita, così breve per l’esistenza umana rispetto al mondo naturale.

Alessandro Pavone - Un tempo è stato, concept

Alessandro Pavone – Un tempo è stato, concept

Le Foreste Vetuste del Parco, infatti, riconosciute Patrimonio UNESCO nel 2017 per il loro eccezionale valore naturalistico e per l’incredibile biodiversità che le contraddistingue, hanno oltre cinquecento anni e sono giunte alla fase senescente della propria vita. Un tempo è stato trae concettualmente ispirazione proprio dall’immagine di un albero che, al termine della propria esistenza, cade a terra con uno schianto improvviso nel silenzio, assumendo le sembianze di un braccio umano.

La mano è nella produzione di Pavone un elemento ricorrente, in quanto una delle parti più espressive del corpo umano, ma anche strumento di apprendimento, di conoscenza. Il coinvolgimento del corpo, e in particolare il senso del tatto, è per l’artista indispensabile nel processo di creazione: le mani, per lui, sono gli occhi dello scultore.

Alessandro Pavone - Un tempo è stato, concept

Alessandro Pavone – Un tempo è stato, concept

In Un tempo è stato, l’immagine della mano, gentile nelle movenze e inoffensiva nella sua staticità – come se appartenesse ad una persona distesa in contemplazione del paesaggio –, evoca il rapporto indissolubile tra uomo e natura: l’attenzione e il rispetto da parte dell’uomo sono fondamentali per proteggere l’inestimabile patrimonio naturale.

Elegante nel movimento del palmo e nella postura classica delle dita, l’opera esprime anche forza nei muscoli e resistenza nell’arco saldo del polso. Quasi come una montagna l’artista ha voluto dare alla scultura delle dimensioni imponenti che trasmettessero al contempo una forza antica e un senso di protezione.

L’opera, interamente realizzata in legno, è costituita da elementi sagomati ricavati da un tronco di larice secolare, sradicato dalla tempesta di Vaia in Trentino nel 2018. Pavone, coerentemente con una visione che mira alla più alta salvaguardia della natura, ha infatti personalmente individuato l’albero con il supporto del servizio di custodia forestale del comune di Folgaria (Trentino), dando origine con il progetto ad un ponte ideale tra Trentino e Abruzzo, territori accomunati da un’attenzione unica alla valorizzazione naturalistica.

Un tempo è stato si integra perfettamente nel paesaggio del Parco anche grazie alla coerenza organica che l’artista ha ricercato nella progettazione della struttura interna dell’opera. Gli incastri della scultura sono infatti realizzati seguendo il metodo delle impalcature rinascimentali, rivelando la volontà di salvaguardare lo spirito originale dell’albero, che torna alla vita tramite un nuovo albero: i materiali si fondono in una composizione bilanciata che riflette la sua armonia estetica.

Alessandro Pavone, foto di Massimiliano Rosa

Alessandro Pavone, foto di Massimiliano Rosa

Il progetto nasce dalla collaborazione tra Ente Parco, il Comune di Pescasseroli e PARCO1923 –marchio di profumi ispirato alle piante e ai fiori del Parco –  ed è realizzato grazie al supporto di BMW Italia, che anche quest’anno mette a disposizione dei visitatori del Parco le BMW Active Hybrid E-Bike, e Sky Arte.

Fonte: https://living.corriere.it/tendenze/arte/arteparco2020-parco-nazionale-abruzzo-lazio-molise/

Autore dell'articolo: living.corriere.it