Le posate da pic-nic fatte con i CD di Pharrel Williams

Non tutta la plastica vien per nuocere. Come spesso accade bisogna saper distinguere. E le giuste distinzioni su questo materiale sono spiegate chiaramente dal progetto Peeble, un set di posate per i pasti fuori casa. 

L’idea è stata sviluppata da Pentatonic, azienda leader nell’economia circolare e i am OTHER, collettivo multidiciplinare guidato e dalla popstar Pharrell Williams. Un guscio con la forma di ciottolo a cui si riferisce il suo nome che contiene un cucchiaio, una forchetta, un coltello, bacchette e una cannuccia. Tutto si ripiega e smonta per minimizzare l’ingombro.

Ma soprattutto si tratta di plastica riciclata, la maggior parte del materiale usato arriva dalla grande dismissione di policarbonato derivante da CD e DVD. Ma anche packaging alimentare. E così anche l’acciaio inossidabile arriva fonti di riciclo. E tutto è trattato per poter essere riciclato, oltre che essere lavato in lavastoviglie.

«Abbiamo deciso di con Pentatonic di fare qualcosa contro l’uso apparentemente inarrestabile di materie plastiche monouso»  spiega Darla Vaughn, a capo del progetto per i am OTHER «L’obiettivo di The Peeble è rendere più facile per le persone fare il primo passo verso l’eliminazione della plastica monouso».

Pebble_OTHERWARE_HiRes_4K_Final.00_00_18_23.Still009 (3)

Il guscio con le posate pesa come uno smartphone. Tutto è stato pensato in un mix di colori pastello per le impugnature a contrasto con le parti metalliche, realizzate in acciaio anodizzato rivestito in titanio iridescente. Il cordino con moschettone può anche essere usato per ogni singolo utensile quando serve portare via soltanto una forchetta o un cucchiaio. The Peeble si compra online sul sito dedicato per 55 euro.

Pebble_OTHERWARE_HiRes_4K_Final.00_00_15_22.Still008

GUARDA ANCHE:

Il bello del design con materiali riciclati

I piumini realizzati con fiori di campo

Fonte: https://living.corriere.it/tendenze/lifestyle/peeble-posate-riciclate-pharrell-williams/

Autore dell'articolo: living.corriere.it