Una colonna sonora per le Vatican Chapels

Dopo la pausa forzata a causa del lockdown, riaprono al pubblico le Vatican Chapels sull’isola di San Giorgio a Venezia. E per l’occasione è stata pensata un’iniziativa speciale, una colonna sonora di 11 brani composti appositamente per ognuna delle architetture da Antonio Fresa, musicista e compositore noto per le colonne sonore realizzate per cinema e tv.

L’idea di realizzare la soundtrack delle Vatican Chapels nasce dalla visione di Ilaria D’Uva, l’imprenditrice fiorentina che con D’Uva – la sua azienda, operativa dal 1959 nello sviluppo di tecnologie e servizi museali in Italia – gestisce il servizio di visite guidate alla Fondazione Giorgio Cini e al bosco con le Vatican Chapels ed è anche responsabile dell’apertura del San Giorgio Café con Filippo La Mantia, il bistrot dell’isola. 

Il labirinto Borges alla Fondazione Cini in una vista aerea

Il progetto musicale sarà disponibile nelle audio guide realizzate per i visitatori, ma è anche  pubblicato su tutte le piattaforme digitali di streaming e download. Le visite sono possibili ogni venerdì, sabato e domenica dalle 11 alle 19, previa prenotazione sul nuovo sito www.visitcini.com, dove si potranno scegliere diversi percorsi tra cui anche uno inedito che prevede per la prima volta la possibilità di accedere al Labirinto Borges

E la colonna sonora è stata legata anche al San Giorgio Café, dove Filippo La Mantia ha pensato  un menù rinnovato, ispirato proprio alla colonna sonora delle Vatican Chapels, sia per i piatti che per i cocktail, per offrire un’esperienza multisensoriale ai visitatori della Fondazione Cini.

Antonio Fresa_7756. EDT

Un ritratto di Antonio Fresa – Foto Giuseppe Bifulco

Fonte: https://living.corriere.it/tendenze/architettura/venezia-vatican-chapels-fresa/

Autore dell'articolo: living.corriere.it