Alessi diventa ‘società benefit’

Alessi diventa ‘società benefit’

Alessi ha cambiato il proprio Statuto diventando una Società Benefit, prima tra le fabbriche del design italiano.

La Società Benefit è una qualifica giuridica introdotta dalla Legge di Stabilità 2016, che indica quelle società che, a fianco allo scopo di lucro, prevedono da statuto il perseguimento di una o più finalità di beneficio comune, in modo responsabile, sostenibile e trasparente. Per beneficio comune si intende il perseguimento, nell’esercizio dell’attività economica, di uno o più effetti positivi, o la riduzione degli effetti negativi, nei confronti di persone, della comunità tutta e dell’ambiente in cui opera l’azienda. 

Ogni anno, parallelamente alla redazione del bilancio economico, una società Benefit deve produrre un rendiconto rispetto al perseguimento delle altre finalità, e valutare gli impatti complessivi prodotti rispetto alla società e all’ambiente.

Con la trasformazione dell’azienda in società Benefit, Alessi porta a compimento un processo di sviluppo che le aveva garantito, nel 2017, la certificazione di B Corporation, prima tra le Fabbriche del Design in Italia, riconoscimento che inseriva Alessi tra le società che usano il business come forza rigeneratrice per la società e per il benessere del pianeta.

Alcuni esempi delle azioni messe in atto da Alessi che le hanno garantito la nomina di Società Benfit sono la presenza dei prodotti all’interno delle collezioni permanenti di oltre 50 importanti musei d’arte contemporanea nel mondo; l’avvio di 1.200 progetti di Ricerca e Sviluppo negli ultimi 10 anni che hanno coinvolto circa 180 designer da tutto il mondo, reinvestendo mediamente quasi il 7% del fatturato annuale; l’attenzione alla realizzazione professionale delle persone con il 94% dei dipendenti dell’azienda assunti con contratto a tempo indeterminato; Alessi offre al 100% dei dipendenti un set di iniziative “Time&Money Saving” e un programma di Welfare che include contributi, gift cards, permessi di lavoro e borse di studio al merito per i figli dei dipendenti; dal 2009 il Fondo Giovanni Alessi Anghini eroga contributi a iniziative di utilità sociali in cui siano coinvolti i dipendenti. In 10 anni sono stati erogati circa 250mila euro a piccole realtà locali, con la partecipazione di 160 dipendenti.

Inoltre, i profitti reinvestiti in azienda rappresentano l’8% del valore aggiunto generato negli ultimi 10 anni e il costo annuale della Ricerca e Sviluppo ammonta a circa il 6,8% del fatturato; il costo del lavoro, negli ultimi 10 anni, ha rappresentato mediamente oltre l’80% del valore aggiunto creato, che ricade sulle persone che concorrono a produrlo; negli ultimi 10 anni Alessi ha effettuato erogazioni filantropiche per oltre 1,5 milioni di euro con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita delle persone nella comunità locale e nel mondo.

Infine, Alessi si impegna a misurare e migliorare le sue performance sociali e ambientali. L’attenzione all’ambiente si rispecchia in tutto il ciclo di produzione, dalla scelta di materiali riciclabili o di lunga durata (95% del totale) alla gestione e recupero degli scarti (94% dei rifiuti viene riciclato o recuperato, e solo il 6% smaltito).

Fonte: https://design.pambianconews.com/alessi-diventa-societa-benefit/

Autore dell'articolo: design.pambianconews.com