Well-being Revolution, 17 aziende per raccontare il design

Well-being Revolution, 17 aziende per raccontare il design

Diciassette grandi aziende si uniscono per raccontare il design come strumento indispensabile nell’evoluzione degli spazi abitativi. L’iniziativa si chiama Well-being Revolution e prevede un calendario di sei appuntamenti partiti il 27 maggio e sino al 2 luglio, coordinati grazie alla collaborazione dell’architetto Alberto Apostoli: ogni live talk, in diretta su piattaforma Zoom, è focalizzato su un diverso ambito della casa o su un diverso modo di viverla. Verranno affrontati l’argomento della “private SPA”, home office, home fitness, il bagno e la cucina come spazi continuamente in evoluzione: ad approfondire ciascun tema saranno le aziende, moderate da un esperto di settore, che dialogheranno tra loro per dare le migliori soluzioni progettuali.

L’iniziativa è condivisa da diciassette grandi aziende, tra cui Antrax IT, Cristina Rubinetterie, De Castelli, Faber, Frigo2000, IDEAGROUP, IGuzzini, Jacuzzi®, K-ARRAY, Lapitec, Londonart, Luceplan, Pinti Inox, Technogym, Tabu, True Design, Veneta Cucine.

Dall’illuminazione all’arredo, complementi, mobili trasformabili, minipiscine, vasche e saune, rivestimenti, sistemi di acustica e per il fitness, termoarredi, oggetti “green” e tecnologie avanzate per ambienti bagno, cucina e living, le imprese fanno squadra attraverso un’iniziativa condivisa, con l’obiettivo di raccontare i valori del comparto.

L’emergenza sanitaria ha avvicinato le persone alla propria abitazione: flessibilità di organizzazione e utilizzo degli spazi, salvaguardia, benessere, capacità di costruzione di nuovi ambiti privati sono solo alcune delle esigenze che ognuno ha potuto riscontrare negli ultimi mesi. L’home-office è l’argomento per eccellenza, tornato alla ribalta mediatica; inoltre, la cura della mente e del corpo è ora necessariamente delegata al domicilio e la trasformazione di stanze in zone adibite con piccole SPA o palestre è una richiesta sempre più frequente.

Cosa chiede il consumer? Come si modifica il lavoro dell’architetto e interior designer? La casa è sempre più una piccola “città”, una macchina perfetta e personalizzata, fatta di oggetti, servizi, aree collettive e private, tecnologie smart e ogni elemento deve essere opportunamente studiato e ottimizzato per consentire il massimo benessere della persona. In questo senso, l’abitare diventa il luogo della sperimentazione di nuovi orizzonti progettuali, che potranno successivamente confluire in altri settori, uno tra tutti quello ricettivo.

Well-being Revolution parla proprio di questo e punta non solo al racconto dei valori del design, ma anche alla divulgazione di informazioni utili per progettisti, privati e distributori, tramite un calendario di incontri online gratuiti e su registrazione.

Fonte: https://design.pambianconews.com/well-being-revolution-17-aziende-per-raccontare-il-design/

Autore dell'articolo: design.pambianconews.com