La casa di pietra sul lago di Como

Tradizione e contemporaneità si fondono sulle rive del lago di Como e danno vita a una villa unifamiliare che riconquista una porzione di territorio a lungo inutilizzata. Siamo a Sala Comacina, un piccolo paese di 507 abitanti sulla sponda ovest del ramo comasco.

Illuminata al mattino dal sole che sorge e scavalca le vicine montagne, Villa Molli si trova a “mezza costa”, ovvero sorge in quella parte di spazio collinare tra il lago e il bosco, storicamente a destinazione agricola. Del passato produttivo rimangono alcuni cascinali a torre, mentre il turismo odierno è segnalato dalla vicina strada che collega i piccoli insediamenti e che da via pedonale si è trasformata in una greenway battuta da persone provenienti da tutto il mondo.

La casa, progettata dall’architetto Lorenzo Guzzini, si inserisce armonicamente nel paesaggio, recuperando dal passato forme e materiali. L’edificio è composto da due volumi alti collegati da un corpo più basso, un escamotage utilizzato dal progettista per ridurre al minimo le opere di scavo e sfruttare il pendio naturale, dando vita all’interno a cinque livelli, da cui si hanno diversi scorci e prospettive del lago.

Tra i tetti a coppi rossi e le facciate intonacate, Villa Molli spicca con il suo elegante monocromatismo, dovuto al rivestimento in pietra morena. Si tratta di un materiale calcareo dal colore grigio antracite, molto simile alla pietra di Moltrasio utilizzata per secoli nella provincia comasca, così tanto da renderla oggi alquanto difficile da reperire. All’interno sorprende la zona giorno, con salotto e cucina disposti su due livelli differenti, entrambi aperti verso la natura attraverso una vetrata scorrevole a tutta altezza.

Il dehor con piscina a sfioro non è un semplice cliché architettonico ma rappresenta per Lorenzo Guzzini la volontà di unire prospetticamente l’acqua domestica a quella libera e indomabile del Lario. Tutti gli altri ambienti sono collegati da corridoi e scale che compongono un’alternanza di compressioni e dilatazioni, di luci e di ombre, fino a condurre in alto verso la terrazza, luogo di relax intimo ed esposto al tempo stesso.

GUARDA ANCHE:

Casa vista lago: una villa Anni 20 ristrutturata dallo studio milanese Nomade

Il Mandarin Hotel sul lago di Como

Il design di Patricia Urquiola e la cucina di Andrea Berton: a Torno l’hotel Sereno

Fonte: http://living.corriere.it/case/fuori-citta/villa-molli-casa-di-pietra-sul-lago-di-como-guzzini/

Autore dell'articolo: living.corriere.it