Fondazione Prada celebra Kafka

Fondazione Prada presenta la mostra K nella sede di Milano dal 21 febbraio al 27 luglio. Questo progetto, che include la celebre opera di Martin Kippenberger The Hap py End of Franz Kafka’s “Amerika” in dialogo con l’iconico film di Orson Welles The Trial e l’album di musica elettronica The Castle dei Tangerine Dream, è stato concepito da Udo Kittelmann come una trilogia. Foto: Tangerine Dream. Copertina dell’album: Franz Kafka. The Castle  © Eastgate Music&Arts, Berlin

fond-prada-1

“K” Fondazione Prada Milano. Martin Kippenberger – The Happy End of Franz Kafka’s “Amerika”, 1994 Ph. Andrea Rossetti

“K” rimanda ai tre romanzi incompiuti di Franz Kafka (1883-1924) Amerika (America) , Der Prozess (Il processo) e Das Schloss (Il castello) pubblicati postumi tra il 1925 e il 1927. La natura incompleta di questi libri consente letture multiple e aperte che hanno indotto l’artista Martin Kippenberger, il regista Orson Welles e la band di musica elettronica Tangerine Dream a riadattarli, esplorandone i soggetti e le atmosfere attraverso allusioni e interpretazioni soggettive.

aaaaFondazione-Prada---K----19

Edgar Froese, Thorsten Quaeschning Tangerine Dream, Phaedra Farewell Tour . Teatro Colosseo, Torino/Turin, 2014 © Eastgate Music&Arts, Berlin

I visitatori sono invitati a sperimentare tre possibili incontri creativi con l’opera di Kafka attraverso la presentazione simultanea di un lavoro artistico, di un film e di una produzione musicale, rispettivamente nel Podium, nel Cinema e nella Cisterna.“K” dimostra la volontà di Fondazione Prada di superare i confini dell’arte contemporanea inserendola in un universo culturale più ampio, che comprende prospettive storiche e approfondimenti di altri linguaggi come il cinema, la musica, la letteratura e i loro possibili scambi e interconnessioni.

quando: dal 21 febbraio al 27 luglio
dove: Fondazione Prada, Largo Isarco, 2 Milano

Fonte: http://living.corriere.it/tendenze/arte/fondazione-prada-milano-mostra-kafka/

Autore dell'articolo: living.corriere.it