La Biennale di Pisa presenta “Tempo d’acqua: l’acqua dimensione del tempo”

Alla Biennale di Pisa 2019 il tema è l’acqua

Biennale-Pisa-Femia-Acqua.jpg
Arsenali Repubblicani Pisa

La Biennale di Pisa presenta “Tempodacqua”

Alfonso Femia, promotore e organizzatore dell’evento, è stato scelto come direttore artistico della Biennale di Pisa dal Laboratorio Permanente per la Qualità Urbana (LP). Durante la conferenza stampa Femia ha comunicato che la Biennale di Pisa sarà l’occasione per dare avvio a un progetto permanente di studio e di ricerca sul tema “Tempodacqua”. Una Call to Action che esorta studi di progettazione internazionali a presentare idee e proposte di qualità sulla “Blue architecture”. Femia ha affermato che la decisione di adottare un tema specifico sul quale gettare le fondamenta di una Biennale di Architettura parte da una ragione ben precisa: affrontare il tema della sostenibilità ambientale con un approccio multidisciplinare.

Biennale-Pisa-Femia-Acqua.jpg
Arch. Alfonso Femia

Visiting professor presso le principali Facoltà italiane e internazionali di Architettura, nei Laboratori di Progettazione di cui è titolare Femia crea una sintesi concettuale innovativa. Al fine di ridare un ruolo primario al pensiero architettonico, egli pone enfasi sulla relazione tra progetto, territorio e poetica espressiva. Pisa è una Repubblica Marinara che è stata sviluppata sulla laguna per sfruttare l’acqua al fine di di difendersi dai nemici e comunicare con l’esterno. Femia invita a un approccio non convenzionale partendo da una presa di consapevolezza. La problematica di cui si tratta ha ripercussioni su tutto: sull’ambiente, sul territorio, su quello che è già stato costruito e sui progetti futuri non ancora realizzati.

Biennale-Pisa-Femia-Acqua.jpg
Biennale di Pisa (schizzo dell’Arch. Alfonso Femia)

Ciò che ha fatto discutere sul piano socio-culturale, politico, economico e architettonico, è stato, ed è ancora, il tema della sostenibilità ambientale affrontato in termini generali. Il problema sta proprio nel non affrontare la questione in modo eclettico. In particolare, non viene dato un peso adeguato al ruolo imprescindibile dell’Acqua come “l’elemento costitutivo universale” e al suo rapporto con il fattore Tempo.

Come conseguenza dell’aver esaminato il problema in modo poco approfondito, sono state adottate strategie risolutive approssimative. Si è fatto troppo affidamento sulla tecnologia, vista come una strada da intraprendere per trovare risposte efficienti alle problematiche ambientali. Adottando questa visione limitata e unidirezionale, l’architettura è spesso passata in secondo piano rispetto alla tecnologia.

Les Docks di Marsiglia

La conseguenza di questa visione globale è stata l’esclusione della possibilità e responsabilità di analizzare e supporre i possibili scenari futuri, che dovrebbe essere la base di un progetto completo a 360°. Rafforzare i legami tra le città e i suoi fruitori, mantenendo saldo il legame tra passato e futuro e puntando ad un’architettura sostenibile. La funzione primaria dell’architettura è fornire soluzioni adattate ad un contesto specifico: non si può pensare di trascurare il rapporto specifico intercorrente tra le città di mare e l’acqua.

Adrar, Base De Vie nel Deserto Rosso, Algeria

Con la Biennale di Pisa di quest’anno si sviluppa un momento di confronto sul tema della sostenibilità mediante un tema specifico: l’acqua come elemento imprescindibile. L’acqua è vista come “atto fondativo di tutto ciò che ci appartiene”. Lo scopo non è solo sensibilizzare e creare consapevolezza sul tema “Tampodacqua”, ma sviluppare idee concrete per contribuire a “cambiare l’immaginario del cambiamento”: nuovi punti prospettici, da vari sguardi differenti.

Biennale-Pisa-Femia-Acqua.jpg

Da giovedì 21 novembre a domenica 1° dicembre, alla Biennale di Pisa, dieci giorni di eventi, talk, mostre dedicate all’architettura del “Tempodacqua”. Il comitato scientifico ha chiesto a progettisti italiani ed internazionali di affrontare il tema dell’acqua come elemento dai molteplici significati e potenzialità. Professionisti di caratura internazionale esporranno a Pisa una selezione di cinquanta progetti. Il progetto permanente di studio e di ricerca sul tema “Tempodacqua”sarà un’opportunità per ipotizzare scenari futuri e per sollecitare al “blue thinking”. La biennale di architettura di Pisa diretta da Alfonso Femia si svolgerà negli spazi degli Arsenali Repubblicani e in altre sedi dedicate in città.

Fonte: https://www.designdiffusion.com/2019/10/11/biennale-pisa-tempo-acqua-dimensione-tempo/

Autore dell'articolo: designdiffusion.com