La mostra di Maurizio Cattelan al Blenheim Palace

Se ne è parlato soprattutto per l’opera rubata: un water realizzato in oro massiccio 18 carati perfettamente funzionante, chiamato provocatoriamente America. Niente di nuovo (il pezzo era stato realizzato nel 2016 per il Guggenheim di New York e installato in uno dei bagni del museo perrché fosse usato regolarmente dai visitatori) se, appunto, fosse ancora al suo posto. E invece è successo che la sera prima dell’inaugurazione il pezzo è stato oggetto di un furto, che ha causato non pochi problemi strutturali oltre che un allagamento. Un gesto talmente inconsueto da far pensare inizialmente a una trovata promozionale dell’artista stesso: Maurizio Cattelan. A lui infatti è dedicata in questi giorni la mostra Victory is Not An Option al Blenheim Palace, splendido edificio storico nell’Oxfordshire, oggi tutelato dall’Unesco, noto tra le altre cose per essere il luogo dove nacque Winston Churchill.

Invitato a riflettere su temi come il potere e l’autorità, Cattelan presenta alcune delle sue opere più note insieme ad una serie di nuovi pezzi site specific, tra cui l’installazione che dà il nome alla mostra: una passerella composta di bandiere inglesi che porta all’ingresso del palazzo. Tra le sontuose sale barocche, gli autoritratti dell’artista si mischiano a rappresentazioni di figure chiave del nostro tempo come l’Hitler inginocchiato (Him) o la figura del papa colpita dal meteorite (La Nona Ora) che sembrano trovare nuova forza grazie alla collocazione all’interno di un luogo così ricco di storia.

quando: fino al 27 ottobre 2019
dove: Blenheim Palace, Woodstock OX20 1PP, Regno Unito. tel. +44 1993 810530

Fonte: http://living.corriere.it/tendenze/arte/dal-water-rubato-ai-simboli-del-potere-la-mostra-di-maurizio-cattelan-al-blenheim-palace/

Autore dell'articolo: living.corriere.it