Ambienti ceramici d’autore

Pattern creativi, lavabi-consolle, accostamenti speciali tra forme e colori ‘up to date’. Inventario in 25? mosse di tutto ciò che realizza ambienti ceramici d’autore. Le soluzioni presentate, siano essi opera di designer o architetti, le trovate declinate anche nell’edizione 2019 della fiera Cersaie che si svolge a Bologna. Lo spazio-tempo ceramico si popolerà di materiali innovativi che rivestono le stanze come una seconda pelle passando con disinvoltura dagli Anni 70 al futuro. Materica, pop, figurativa, concettuale, sono alcune delle ‘anime’ più attuali della ceramica, sanitaria e da rivestimento.

Stili di tendenza. La ricerca che cambia la fisionomia dei prodotti, analizzati nella gallery XXX (link alla gallery tendenze piastrelle), conferisce un nuovo twist a soluzioni d’antan come il terrazzo veneziano rivisitato, l’argilla non smaltata, il mosaico in vetro dai bagliori metallici. In altri casi, i designer puntano invece sulle piastrelle e sulle fughe che disegnano il reticolo di posa. Spesso osando con proposte atipiche e di impronta grafica.

Il colore dello smalto ceramico può essere profondo, sfumato come un acquarello e con le superfici mosse da delicati craquelè. I toni, materia d’invenzione nelle mani dei progettisti, variano dal ton sur ton al netto contrasto, o ancora esaltano le superfici materiche, grezze, non finite. Il decoro può essere minimal, quotidiano-chic o esuberante, proposto floor-to-ceiling a evidenziare il volume della stanza e perfino a rivestire anche il soffitto in un’onirica visione all-over. I suggerimenti di questa gallery sono utili come spunto di riflessione e, perché no, di ispirazione in attesa di lunedì 23 settembre, data di apertura della kermesse bolognese. L’iniziativa Cersaie Disegna la tua casa, infatti, è un’occasione utile per farsi fare un progetto gratuito dagli esperti di Living che si trovano al padiglione? (Prenotazioni come? Via email?) fino al 27 settembre.

Avere un’idea guida forte, spesso è il segreto del successo di un progetto nuovo o di ristrutturazione. Nella carrellata che segue, si passa dall’industrial al metallico, dal Mix & Match alle armonie naturali. In molti casi, il modello vincente è il bagno-salotto e il bagno inteso come social hub, tema ricorrente in diversi stand in fiera e negli eventi in programma a Bologna città. Le regole d’oro per un bagno open con la camera da letto, una cucina irresistibile e un living che non passa di moda e che mantiene nel tempo il suo allure e magari sconfina nel giardino senza soluzione di continuità sono difficili da sintetizzare. Valgono comunque tre consigli chiave: 1- partire da un’idea ‘fatta e finita’ è più semplice che iniziare da zero, e personalizzarla diventa un gioco. 2- Se lo spazio da arredare è ridotto: prediligete pattern micro e formati ridotti come il mosaico che riveste anche superfici curve e irregolari. 3 – Consigliabile la palette neutra che, se ridotta a pochissimi colori per non appesantire l’ambiente, si rivela un ottimo alleato di progetto. Per variazioni a tema, ci si può affidare all’accostamento tra superfici lucide e opache, che conferisce profondità all’insieme. A fare la differenza può essere un ‘piano colore’ organico che garantisce coerenza tra i rivestimenti e facilita l’abbinamento tra materiali di serie differenti. Un’esauriente galleria di progetti realizzati con la ceramica, spiegati passo passo, si trova anche al link del sito Ceramica.info.

Ulteriore fonte di ispirazione può essere la mostra culturale del Cersaie 2019 che si occupa di ambienti di figure affascinanti e di successo in vari ambiti (arte, cultura, scienze, musica, cinema, etc.). Allestita al padiglione 30, l’ironica e trasversale esposizione Famous Bathrooms, curata da Angelo Dall’Aglio e Davide Vercelli, mette in sequenza stanze a tema con protagonisti come i Beatles, Sigmund Freud, Coco Chanel, Piet Mondrian, Le Corbusier e Maria Callas.

Fonte: http://living.corriere.it/cersaie/arredo-bagno/cersaie-ceramica-a-progetto-native-adv/

Autore dell'articolo: living.corriere.it