In India con Matteo Cibic

Vedute di palazzi, scene esotiche ricche di dettagli architettonici e soggetti tipici dell’arte indiana. La collezione di tappeti Jaipur Wunderkammer che Matteo Cibic presenta alla fiera parigina Maison&Objet dal 6 al 10 settembre è un autentico passaggio a Oriente. Un viaggio nell’opulenza estetica di Jaipur, la famosa “Città Rosa” del Rajasthan, in India. «Ho impregnato il mio universo creativo con le mille sfumature della città e mi sono ispirato ai dipinti antichi e all’architettura locale, in particolare all’osservatorio astronomico settecentesco di Jantar Mantar», racconta il designer vicentino che ha visitato il distretto indiano lo scorso marzo, prima della design week milanese. Collaborando con un pittore locale e gli artigiani di Jaipur Rugs – una delle principali manifatture indiane che conta quasi 40.000 artigiani sparsi nei sei stati indiani –, ha disegnato una serie di modelli realizzati a mano intessuti in lana e viscosa o lana e seta di bamboo annodata, più preziosi, promuovendo un modello di business socialmente inclusivo e sostenibile. Intrecciati nodo su nodo griglie, pattern geometrici e motivi floreali si alternano a scene di paesaggi esotici e rappresentazioni della Città Rosa: «Ho sempre desiderato visitare Jaipur per la sua bellezza architettonica e i suoi monumenti» afferma Cibic. «E sono stato rimasto colpito dalla missione di Jaipur Rugs, che per me è più un’impresa sociale che una tipica azienda che si preoccupa di massimizzare i profitti a spese degli artigiani». Declinati in formati rettangolari tradizionali e quadrati, oppure tondeggianti o tagliati su misura, i tappeti della collezione Jaipur Wunderkammer si possono pre-ordinare online, a partire da 590 euro.

[embedded content]

dove: Maison&Objet, Hall 5A, Stand M12-N11, Paris Nord Villepinte
quando: 6–10 settembre 2019
matteocibicstudio.com • jaipurrugs.com

Fonte: http://living.corriere.it/tendenze/design/tappeti-jaipur-wunderkammer-matteo-cibic-ispirati-architettura-indiana-jaipur/

Autore dell'articolo: living.corriere.it