Ospiti di Monet

Benvenuti a casa Monet. La residenza dove l’artista impressionista ha trascorso più di 40 anni della sua vita fino alla sua morte nel 1926, oggi ospita la Fondation Claude Monet ed è disponibile su Airbnb per chiunque voglia passare dei giorni nella campagna francese di Giverny, un piccolo villaggio di 520 abitanti nella regione della Normandia, nel nord della Francia. La Maison Blue, chiamata così per via degli infissi e del tetto, ha tre camere da letto, altrettanti bagni e puó ospitare fino a sei persone (200 euro a notte. Si può scegliere di affittare l’intera proprietà oppure solo una parte). Completamente restaurata nel 2016, all’interno è un trionfo di tele e colori, tappezzeria con motivi floreali e mobili in legno, con l’arredamento che è rimasto fedele alla storia. Provate a fare un giro virtuale. Al pianterreno, la grande sala da pranzo completamente dipinta di giallo, arredi e pensili compresi, con la collezione di stampe giapponesi del pittore, che conta grandi nomi come Katsushika Hokusa, poi la cucina, la sala blu e l’atelier con le riproduzioni dei dipinti del maestro. Al primo piano, la camera di Claude Monet, della seconda moglie Alice Hoschedé e della figlia di lei, Blanche Hoschedé. All’esterno giunchiglia, iris, peonia, cappuccina, rosa e narciso sono alcune delle varietà di fiori che tappezzano le aiuole multicolore. Un giardino fiorito di metri e metri quadri che circonda la casa intonacata rosa pallido, e voluto, creato, curato dallo stesso Monet. Un pittore-giardiniere che strizzava l’occhio a Oriente, basti osservare i laghetti di ninfee o il ponticello giapponese che il pittore rese immortale dipingendo su tela, in diverse ore del giorno per vedere come cambiava la luce del sole.

Fonte: http://living.corriere.it/tendenze/extra/la-casa-di-monet-su-airbnb/

Autore dell'articolo: living.corriere.it