Nervi: la versione dei Formafantasma

«Questo lavoro vuol essere la scatola nera del nostro modo di fare ricerca. Attraverso i materiali del lavoro di Nervi – test tecnici, immagini e audio delle sue lezioni, l’amore per la struttura gotica – abbiamo immaginato una sua ipotetica Lectio magistralis, dandole forma tridimensionale», spiegano Andrea Trimarchi e Simone Farresin. I designer dello studio olandese Formafantasma sono stati chiamati a rileggere le opere dell’architetto Pier Luigi Nervi per il secondo appuntamento di  Studio Visit, progetto di Alcantara e MAXXI, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma, che dallo scorso anno invita designer o studi di fama internazionale ad allestire uno spazio che restituisca una personale interpretazione del lavoro di uno dei grandi maestri della collezione permanente.

formafantasma-nervi-maxxi-roma-living-corriere-02

Dopo Arch-Arcology, l’omaggio di Nanda Vigo al visionario architetto Paolo Soleri, quest’anno i Formafantasma si sono confrontati con l’architettura del maestro italiano del cemento armato, vero pioniere e sperimentatore negli anni del Dopoguerra. Nervi in the making, a cura di Domitilla Dardi (curatrice per il design del MAXXI), è un’installazione che rivela l’importanza della materia nel lavoro del progettista, in un parallelo inedito tra il materiale da costruzione per eccellenza e i morbidi pannelli di Alcantara che per l’occasione diventano il supporto del lavoro di ricerca, proprio come nello studio di un progettista.

formafantasma-nervi-maxxi-roma-living-corriere-03

«La struttura è la parola chiave che più di ogni altra accomuna i due materiali», precisano i Formafantasma che, per preparare l’esposizione, hanno scavato negli ultimi mesi nell’ampia documentazione su Nervi custodita negli archivi del MAXXI. «Nervi ha dimostrato con una ricerca impressionante, fatta di prove, test e calcoli, le conquiste di cui il cemento poteva essere portatore. Grazie al suo lungimirante lavoro il nostro Paese è stato costruito negli ultimi sessant’anni. Noi ci siamo addentrati nell’Alcantara con uno spirito analogo e ne abbiamo studiato le ampie potenzialità di applicazione. Ma soprattutto abbiamo sperimentato ciò che lo rende un materiale unico nel suo genere, governato da una sorta di intelligenza artificiale che lo rende incredibilmente duttile».

formafantasma-nervi-maxxi-roma-living-corriere-04

In mostra si traduce in un vero e proprio “studio”, nella duplice accezione di spazio e indagine di approfondimento. «Lavorare con Studio Formafantasma», conferma Domitilla Dardi, «significa sempre seguire un lavoro di ricerca che procede mescolando conoscenza scientifica e istinto progettuale. Mai come in questo progetto su Nervi queste loro due anime sono emerse nitide: la passione dei ricercatori che rileggono il lavoro a suo tempo fatto da un grande studioso dei materiali come Nervi e la capacità progettuale di fare entrare queste riflessioni in una propria opera».

dove: MAXXI, Via Guido Reni 4A, Roma
quando: fino al 14 aprile 2019
tel. 06 3201954
maxxi.art

Fonte: http://living.corriere.it/tendenze/design/mostra-formafantasma-nervi-maxxi-roma/

Autore dell'articolo: living.corriere.it