Bella Vista: l’invisibile confine tra intervento e contesto

19/11/2018 – Per incrementare il valore e la popolarità delle Dolomiti, la Fondazione Dolomiti-Dolomiten-Dolomites-Dolomitis Unesco ha incaricato Messner Architects di creare gli standard architettonici, paesaggistici e grafici per i punti di osservazione panoramici ubicati in tutto il sito, dichiarato Patrimonio dell'Umanità nel 2009.
Il primo punto panoramico è stato inaugurato nel 2015 sul Monte Specie in Valle di Braies. Il belvedere Bella Vista, a Santa Cristian di Val Gardena, è stato invece completato il mese scorso.

Visto il contesto altamente sensibile dell'intervento, l'idea principale è stata quella di creare una struttura strettamente legata al contesto in cui è inserito. Anziché aggiungere corpi e masse al paesaggio si è pensato di trasformare lo stesso. Tramite un ipotetico taglio nel terreno e il sollevamento di parti di esso, è nata così una nuova interpretazione della topografia.
L'idea..
Continua a leggere su Archiportale.com

Postato da: Archiportale.com

Autore dell'articolo: Redazione