Podere in Etruria: cartolina da un interno

, , Commenti disabilitati su Podere in Etruria: cartolina da un interno

13/03/2018 – “La cartolina è un fermo-immagine, di viaggio, di luogo, di vita, di movimento. Scelta con cura si lascia osservare e meditare. È una rappresentazione interposta, una soglia, tra la visione e il vissuto. Questo è il ridisegno di un podere, una cartolina dall’Etruria Meridionale. È qui che siamo immersi, in un terreno di circa diecimila metri quadri, impregnati di storia”. Esordisce così Nicola Auciello di na3 nel descrivere il suo progetto del Podere a Cerveteri.

“Il collegamento tra le immagini dell’architettura e quelle di una camera cinematografica in movimento mi è spesso naturale (in anglosassone 'camera' vuol dire cinepresa, esatta metafora di 'stanza con vista'): entrambe le scritture partono da un foglio o un telo bianco, l’azione e il movimento sono intrinsechi, ma successivi.

Le case narrano avvenimenti di andirivieni, in crescendo, che intensificandosi si snodano..
Continua a leggere su Archiportale.com

Postato da: Archiportale.com